Una boccata d’aria fresca

I ‘giovani’, gli ‘emergenti’, le ‘novità’… già l’anno scorso, sul numero di febbraio, avevo esposto tutte le mie perplessità sul voler ‘appiccicare’ a tutti i costi un’etichetta a musicisti che sono tutte queste cose – e molto altro – ma soprattutto sono Artisti. Abbiamo un bacino molto ampio nel nostro paese, forse più di quanto si possa immaginare, di govanissimi, dotati di un talento impressionante, che hanno saputo sfruttare appieno tutte le risorse che i nostri tempi ci offrono. Un accesso alla Rete che può portare a una conoscenza approfondita di molti stili musicali e la possiiblità di approfondire all’infinito, oltre a una vetrina social che per tanti sta facendo la differenza. Enrico maria Milanesi, Alberto Ziliotto e Lorenzo Polidori, che il nostro Giuseppe Tropeano ha intervistato su questo numero (da pagina 30) sono estremamente rappresentativi in questo senso: figli del loro tempo, con un piede saldamente ancorato nella tradizione e la testa proiettata alla sperimentazione.

Se da un lato è impossibile non notare quanto sia stato ‘impattante’ il ciclone australiano – leggi Tommy Emmanuel – su tutto l’immaginario collettivo, e non è un caso che le Maton imperino tra le preferenze degli intervistati, da un altro canto fa piacere vedere come emergano spesso nomi piuttosto ‘antichi’ come riferimenti culturali e tecnici.
Quindi, se proprio vogliamo ‘appiccicare’ un’etichetta a un movimento musicale estremante vivo e dinamico, possiamo parlare di una salutare boccata d’aria fresca, che sicuramente farà bene a tutto l’ambiente

In buona sostanza, mi sento di ripetere testualmente le parole con cui chiudevo l’articolo dell’anno scorso, perché le sensazioni non sono cambiate: se questo è il futuro dell’acustica in Italia possiamo anche stare tranquilli, siamo messi davvero bene. E magari, in fondo in fondo, una piccola parte l’abbiamo fatta anche noi con queste pagine, con cui cerchiamo di fare cultura e divulgazione da quasi dieci anni.

Mario Giovannini

Avatar
...sull'Autore

Related Posts

Lascia il tuo commento