Sigma GECE-3+

(di Marco Alderotti) – Sigma, come molti ricorderanno, è nata nel 1970 espressamente come marchio economico di proprietà Martin, costruendo fedeli repliche a prezzi contenuti. Attualmente l’azienda, acquisita da una società tedesca, ha ampliato enormemente il parco strumenti con chitarre per tutti i gusti e per tutte le tasche, senza rinunciare alla qualità sia delle materie prime utilizzate che della costruzione spesso maniacale.

Il modello GECE-3+ è una chitarra elettroacustica a spalla mancante, con 14 tasti fuori corpo, shape Grand Auditorium, bella a vedersi e direi molto somigliante a pregiati modelli Taylor. La tavola in abete rosso massello presenta delle discrete venature compatte e longilinee, con fasce e fondo in ebano Macassar, legno molto simile al palissandro indiano, con meno calore ma con più armonici alti e separazione tra le note. Bellissimo il colore nero striato di marrone, che va sicuramente a impreziosire l’estetica generale della chitarra. Il manico è realizzato in mogano, a basso profilo, mentre per la tastiera la scelta è andata a favore della Micarta, materiale che non ha niente a che fare con il legno, essendo un composito formato da canapa, lino e cotone imbevuto di resina epossidica e lasciato asciugare sotto pressione. Ha buone caratteristiche, sia sonore che visive, e spesso viene usata al posto dell’ebano o del palissandro, con il vantaggio di essere un prodotto economico e molto stabile nel tempo. Sulla tastiera sono presenti dei segnatasti a forma di doppia S in similmadreperla, ben installati e in ottima sintonia con l’estetica generale della chitarra; anche i 20 tastini disponibili sono posati, rifiniti e lucidati alla perfezione. Il ponte è realizzato in mogano, traversino e nut sono in osso naturale. La larghezza al capotasto è di 44,5 mm, una misura che sinceramente apprezzo per la grande comodità. La paletta, decisamente di ispirazione Taylor, è di colore nero con finitura lucida; e sulla stessa, oltre al nome dell’azienda in similmadreperla, sono montate sei meccaniche cromate con palettine in ebano, funzionali e molto belle a vedersi. La rosetta attorno alla buca è caratterizzata da un unico, generoso, intarsio in abalone/similmadreperla, mentre sulla tavola non è presente il battipenna. La finitura della chitarra è lucida ultrasottile UV (tranne il manico che è satinato) con colorazione natural; ma a catalogo la chitarra è disponibile anche in vintage sunburst.

Come accennato, lo strumento è elettrificato con sistema Fishman Flex Plus (solo piezo) gestito da tre controlli rotativi posizionati sulla spalla superiore, con volume, bassi e alti; una configurazione che ancora una volta richiama una certa somiglianza con Taylor (vedi l’Expression System 1 e 2).

In versione unplugged e già dalle prime note, si apprezza il bel timbro acustico che si espande nell’ambiente, con alti frizzanti ma musicali, bassi presenti e mai invadenti e medi forse un po’ indietro, ma tutto sommato nella norma. Buona anche la dinamica, che in particolare nelle frasi solistiche e quindi usando un plettro – nel mio caso extra heavy – si riesce ad apprezzare maggiormente. Il leggero riverbero naturale mi fa ancor più divertire nel suonare, anche se il setup di fabbrica, pur buono, è migliorabile; in particolare l’action. Tutte le tecniche usate sono risultate convincenti, restituendo sempre un bel suono, presente e con buon volume, che sicuramente con il tempo andrà ad aumentare essendo la chitarra appena uscita di fabbrica.

Collegata ad un ampli per acustica, il Fishman Flex Plus ha restituito una buona timbrica, molto musicale e similare allo strumento unplugged, a patto di fare piccole correzioni sull’equalizzazione. Essendo uno strumento moderno e al contempo versatile, avrei gradito un microfono interno per percussioni e sfregamenti vari, che comunque è installabile a scelta tra i tanti disponibili in commercio in un secondo momento.

Chitarra promossa a pieni voti, sia per suono che per costruzione veramente impeccabile: anche dentro la buca tutto è al suo posto, niente colla in eccesso o quant’altro. Il made in China, ormai, è diventato uno standard con qualità elevata, ed è il caso di questo nuovo modello di casa Sigma, davvero ben riuscito. Consigliata ai più in particolare per uso solistico e cantautorale, ma anche per chi non resiste a tanto fascino.

marcoalderotti1966@gmail.com

Strumento gentilmente concesso per la prova da Niccolai Grandi Magazzini della Musica di Vicopisano (Pisa).

Scheda tecnica

Sigma GECE-3+

Tipo: chitarra acustica elettrificata cutaway

Shape: Grand Auditorium

Top: abete rosso massello

Fondo e fasce: ebano Macassar

Manico: mogano a basso profilo

Tastiera: Micarta

Ponte: mogano

Nut e traversino: osso naturale

Meccaniche: die-cast cromate con palettine in ebano

Elettronica: Fishman Flex plus

Prezzo: € 740 (IVA inclusa)

Distributore: www.aramini.net

Avatar
...sull'Autore

Related Posts

Lascia il tuo commento