Zapateria – Videoblog n. 10

In occasione dell’uscita dell’audiolibro autobiografico “Zapateria”, ho deciso di produrre questo “Videoblog” con cadenza settimanale. È un’ occasione per filmare i grandi musicisti ospiti di casa mia, ma anche per raccontare i miei viaggi, le prove, gli strumenti, gli incontri, ed anche i fatti importanti, o meno, che capitano attorno alla musica.

A grande richiesta, torna ospite Walter Lupi, che ci presenta, finalmente ultimato, il suo metodo “Flatfinger”. Abbiamo suonato assieme un blues, per quanto questo genere chitarristico non sia proprio la mia specialità. Però, a giudicare da quanto Walter si sia divertito, sembrerebbe riuscito ugualmente bene!
Ciao, a presto!

Riccardo Zappa

 

[flv]http://fingerpicking.net/file/fvideo/zappa-videoblog-10-800.flv[/flv]

...sull'Autore

Related Posts

  1. lawrence hobby Reply

    hi very nice i can’t wait for the next episode i love it is a pearl please don’t make us wait to long all your fans from Glasgow
    un saluto tutti i fans di glasgow

  2. Antonello Reply

    allora aspettiamo presto su questo canale una nuova performance!!

  3. Walter Lupi Reply

    Hei, grazie a tutti per l’entusiasmo!!!
    Anyway dream a way l’ho recentemente rimesso in repertorio, sia per la qualità della composizione che ancora oggi mi stimola la voglia di suonarla, sia per il titolo che in effetti se si smette di sognare c’è il rischio di fermarsi; cosa alquanto rischiosa per chi fa il musico di mestiere!!!

    la parte degli armonici è però stata sostituita da un assolo che oggi, grazie alla tecnica del Flatfinger, mi posso permetter di improvvisare volta per volta (non potete immaginare la soddisfazione per un fanatico di Pat Metheny) certo lontano anni luce dall’emulare un solo dito della sua mano sinistra ;^) ma pur conscio di ciò, improvvisare ha un sapore decisamente diverso dall’interpretare le stesse note volta per volta… beh penso ci siamo intesi!

    per l’acquisto del metodo ci sono due modalità d’acquisto; direttamente presso l’acoustic Music o direttamente dall’autore.

    http://www.acoustic-music.de/katalog/

    info@walterlupi.com

    cheeeers!!!

    e un grazie a Riccardo!

  4. Antonello Reply

    Ciao Riccardo,
    riguardavo la bella puntata con ospite Walter Lupi.
    Vorrei approfondire il metodo proposto da Walter.
    Dove potrei acquistarlo?
    Grazie
    A presto

  5. antonello Reply

    Carissimo Riccardo…
    mi riallacio alla interessante riflessione proposta da tethybaboo…

    Sarebbe bello vedere Walter suonare ANYWAY DREAM A WAY 3/89 in uno dei tuoi prossimi videoblog. Tutta la parte con gli armonici ti lascia con il fiato sospeso.

    Anche a me piace Walter Lupi come chitarrista e compositore, e mi ha intrigato allo stesso modo quando l’ho sentito suonare una serie di pezzi riarrangiati di Lucio Battisti, alla sua maniera. Genere che normalmente non ascolto.

    Il pezzo di Vasco Rossi eseguito da Walter per la dimostrazione didattica mi ha fatto capire che io non la saprei fare cosi’, se non fosse lui ad insegnarmela.
    E sull’esecuzione, almeno di quella canzone, ci possiamo confrontare tutti.
    MOLTO ISTRUTTIVO

    Grazie a te e a Walter

  6. Andrea Reply

    Molte grazie Maestro! Come sempre riesce ad infondermi coraggio e voglia di esprimermi, nei suoi commenti risulta che la matrice primaria ai fini della riuscita di un progetto è principalmente la “passione”!… chiaramente accompagnata da un certo tipo di preparazione artistica, da un certo allenamento del gusto estetico!… l’uso di mezzi tecnici super sofisticati può anche essere secondario. Il fatto mi rincuora, in quanto possiedo una piccola videocamera per ora usata solo nei ricordi dei viaggi e un modesto impianto audio per la mia musica, mentre non ho alcun programma editing video, alcuni amici mi hanno consigliato Adobe premiere. Tendo caratterialmente ad essere un preciso, quindi intraprendere qualcosa da non professionista mi preoccupa alquanto! Aspettando la prossima puntata, la ringrazio per la solerte risposta!

  7. Walter Lupi Reply

    confesso che anche io quando ho rivisto il video mi son detto che potevo suonare qualcos’altro, ma dovendo dare dimostrazione della tecnica Flatfinger lì per lì ho praticamente improvvisato la scelta di eseguire un brano forse per molti “banale” ma straconosciuto!

    comunque,
    questo va a dimostrazione del clima che si respira alla Zapateria; spontaneo e sincero quanto basta per divertisi tutti!

    al prossimo incontro!!!

    :^)

    Walt

  8. Riccardo Zappa Reply

    Se c’è uno che ritiene Walter Lupi un autore dotato di grandissima personalità compositiva, quello sono io! Non per nulla sono lo stesso produttore dei suoi due primi album: “Bhakta Priya” e “Terra”. Dopo di che, se più recentemente egli ha dedicato un album a Lucio Battisti, e dovendo, in questa puntata, esemplificare il suo metodo Flatfinger abbia preferito eseguire un brano di Vasco Rossi, posso capire che un po’ dispiaccia a quanti si sarebbero attesi, viceversa, uno dei suoi splendidi brani. Vuoi vedere che presto lo ritroviamo da queste parti con qualcosa di suo e pure inedito? Ah, saperlo!

  9. Tethybaboo Reply

    Bellissima puntata anche questa! Complimenti Riccardo per la bellissima regia e atmosfera.
    Una piccola richiesta se possibile: a mio personalissimo parere, gusto ed opinione, sarebbe molto di più interessante se nel corso delle puntate dei tuo videoblog i tuoi grandissimi e bravissimi ospiti eseguissero brani propri anziché altrui: lo troverei assai più piacevole e stimolante. Grazie Riccardo.
    Alla prossima attesisssima puntata.

  10. Riccardo Zappa Reply

    Caro Andrea, in effetti sono un perfetto debuttante in campo video, e le uniche mie conoscenze in merito alla gestione di un’ immagine risalgono alla frequentazione del liceo artistico. Tuttavia, giacché a suo tempo (ti parlo del 1977!) avevo compreso che si sarebbero potuti realizzare “in proprio” i nostri progetti utilizzando un “rudimentale” Revox analogico per registrare alcuni album che sarebbero diventati (soprattutto per me, ma anche per una vasta compagine di appassionati di una certa musica) qualcosa di importante, non mi sono certo spaventato di fronte all’ impegno che avrei dovuto mettere in campo per avvicinare questo nuovo mondo espressivo. Ora, di settimana in settimana, comincio a comprendere sempre meglio i meccanismi necessari a questo tipo di produzione, avendo dalla mia il fatto che la cosa mi “prende” assai, tanto da passarci, ed assai volentieri, delle nottate intere.
    Dispongo di una videocamera Canon Legria HF M36 e come programma di post-produzione ho scelto Pinnacle Studio 15. In più, per la parte audio, c’è tutto il mio consueto “armamentario”, che, invece, conosco alla perfezione. Ciao, e grazie per ogni tuo commento.

  11. Andrea Reply

    Questo blog mi ha talmente motivato che oltre la mia grande passione primaria: la chitarra!!… su cui studio da un bel po’ di anni, incomincio a prendere in esame la possibilità, per mio diletto e personale ambizione, di creare piccoli video! Le volevo chiedere se il blog è “girato” con una semplice video camera mini dv e se usa particolari programmi di editing, ho letto nei commenti precedenti che la luce era quella ambiente. Scusandomi per questa mia curiosità, le faccio i miei complimenti… e resto sintonizzato per la prossima puntata!

  12. Stefano Ottolini Reply

    Veramente bella anche questa decima puntata.
    Bravo Riccardo!!! E bravissimo anche il tuo ospite Walter

  13. Riccardo Zappa Reply

    Senza problemi, caro Walter! Da notare, particolare tecnico curioso, che mentre i colori delle prime immagini godono di una bella sfocatura data dall’ angolazione dei raggi solari che colpivano l’ obbiettivo della videocamera, nell’ arco di cinque minuti, essendo mutata la luce naturale, si è verificato un “fuoco” perfetto alla fine del video. Vuoi mettere ottenere una simile meraviglia nel salotto di casa? Ahhh, perfetto 😉

  14. Walter Lupi Reply

    Hei Riccardo,
    simpatico anche questo video… hai fatto un bel montaggio… stai diventand sempre più bravo!!!

    e comunque alla fine con questi tempi così stringati si evitano ridondanze e inutili ripetizioni…!

    Allora a presto… ci conto!!! :^))

    un abbraccio!

    Walt

  15. Andrea Reply

    Sempre più interessante questo video blog, si addentra simpaticamente in chiarimenti tecnici senza appesantirli troppo, è questo che lo rende speciale, parla a chi sta timidamente affacciandosi al mondo musicale senza spaventarlo troppo, capisco la strada è lunga, ci vuole sicuramente molto talento, tanta determinazione e studio, ce la farò? …almeno ci posso provare! Grazie Maestri!!

Lascia il tuo commento

*

Captcha * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.