Un anno di Beatles – 5

«I think I’m gonna be sad, I think it’s today»

After many years of life on the road, it was enough to keep the boys off the street and everything changed. Far from the perpetual movement, from the sweat Hamburg and Cavern’s rock’n’roll, to the cleaned up Ed Sullivan’s, the four change direction, and it will be forever.

The album Help! is a turning point, according to many. We think it’s just a new face of the same process that transformed the music from what was to what it is today. The title track is a song in which the sum of the elements offers much more than what it should: from the vocals to the form itself of the song, who knows what impact to hearing it then! Each of their brand new releases was an abrupt steering imposed on the whole pop movement, the four were always a step or two ahead. Not to mention “Ticket to Ride” or “Yesterday”.

If the decline of Beatles for Sale appeared like a ghost, nothing better than a disc packed with masterpieces could avert it.

We continue the game started months ago, it’s too funny, and we are going to form a new lineup for this album, putting on it the pieces published only on 45 RPM and maybe cut a couple of covers. Let’s see what happens:

  • Help!  (Lennon-McCartney)
  • The Night Before  (Lennon-McCartney)
  • You’ve Got to Hide Your Love Away  (Lennon-McCartney)
  • I Need You  (Harrison)
  • Another Girl  (Lennon-McCartney)
  • You’re Going to Lose That Girl  (Lennon-McCartney)
  • Ticket to Ride  (Lennon-McCartney)
  • · Yes It Is  (Lennon-McCartney)
  • It’s Only Love  (Lennon-McCartney)
  • You Like Me Too Much  (Harrison)
  • Tell Me What You See  (Lennon-McCartney)
  • I’ve Just Seen a Face  (Lennon-McCartney)
  • Yesterday  (Lennon-McCartney)
  • I’m Down (Lennon-McCartney)

It appears immediately evident as George is gaining more personal space: his participation as an author is now of two songs, innovation to understand, if you consider who was writing the rest!

George Harrison with the Gibson J-160E during the filming of "Help!"

Life in the studio, unlike the road, gives them more time to write, arrange, experiment with new solutions and also started collaborations with new musicians. For the first time we find a flute on “You’ve Got to Hide Your Love Away” and a string quartet on “Yesterday”, to complete the masterpiece for what will be the song most reinterpreted by others and more transmitted by radios around the globe, in history.

The turning point can be found in the compositions, more mature and sophisticated, in the arrangements always less ‘live’ and more curated, and in the fact that Help! is perhaps their most acoustic work so far. Many tracks have a strong ‘unplugged’ connotation: songs as “I’ve Just Seen a Face” and “Yesterday” are entirely acoustic, while the dylanish “You’ve Got to Hide Your Love Away” is actually the first song played entirely with non-electric instruments in their discography.

News are also guitaristics: Paul playing the lead on “Ticket to Ride”, George using a volume pedal and – unbelievable but true – a wha-wha, way before Jimi Hendrix made its appearance on the British scene!

In fact, the four did not leave home rock’n’roll: some of the interpretations in those recording sessions are among the best produced by them. Yes, because “I’m Down”, “Bad Boy” and “Dizzy Miss Lizzy” (the latter two written by Larry Williams, honored in the past with “Slow Down”) are proof that good habits are never lost! And we know today that “I’m Down”, screamed as only Paul could, was the prelude to the recording of “Yesterday”. Let’s talk about versatility! And “You’re Going to Lose That Girl”, so blatantly in the first-period beat style, would not disfigured on a previous album.


Only for Fingerpicking.net


The acoustic side comes out arrogant in what we can regard as the first real ‘studio album’ by the Beatles, considering how little time they devoted to recordings in the past. Lennon puts down his beloved Rickenbacker in favor of the Gibson. McCartney gives us the beautiful “I’ve Just Seen a Face”, but especially “Yesterday”, for which it seems unnecessary to emphasize points already analyzed by many better than us in the past: let’s just say that Paul entered the studio with just acoustic guitar and voice, and immortalized something that the world will find hard to forget. To the string quartet, called by George Martin and which Paul was enthusiastic for from the start, he merely said: «No vibrato, please!»

John Lennon with the Gibson J-160E

Arrangements

If mentioning the strings that accompany McCartney on “Yesterday” may seem trivial, perhaps it is not to note the rhythmic figure that Ringo played on “Ticket to Ride”: some argue it was suggested by Paul, the fact is that it seems more a fill than an accompaniment, but it works perfectly. The other news is they now no longer consider necessary to use the live band setup: once acquired the basic techniques to adopt in the studio, you can easily use a few but effective parts; this of course starts to penalize the poor Ringo, because his drums setup was the first to be replaced by tambourine or maracas.

However, some jump in the past as “I’m Down” and “Dizzy Miss Lizzy” was useful to refresh their spirits. None of the four had no intention of giving up rock’n’roll they grew up with, as we’ll see in the future. The fact remains that only “Ticket to Ride” is longer than three minutes, all the other songs stop before, to renew a tradition. The shorter, the better.

Vocals

“Yes It Is”, b-side of the first 45 RPM that launched the album, is written along the lines of “This Boy” without reaching the overall drama, but offers a high level of vocal performance and vocal harmonies pretty complex. The same “Help!” is innovative thanks to the voices, that come to life in a new melodic line: instead of responding to the singer, it anticipates the phrases. For the rest we find the usual ‘you sing, we answer’, in which they were masters after years of practicing.

“Another Girl” too has an interesting harmonization on the verse «Who will love me ’till the end», one of those John and Paul particularly liked: they sometimes avoided to follow the lead vocals, but built a second section that could go higher or lower than the solo voice.

(read the rest on Laster)


Winston’s Thoughts


by Davide Canazza

With Help! you feel that something has changed. Compositional maturity is added to the discovery of new sounds and new musical instruments. And, with the exception of George Martin, for the first time there are external musicians playing in a Beatles album: Johnny Scott plays the flute on “You’Ve Got to Hide Your Love Away” and a string quartet plays on “Yesterday”. But also the gear of the quartet from Liverpool get richer.

Paul McCartney with the Epiphone Texan

Paul recently rediscovered the guitar, and by the end of ’64 is the proud owner of two Epiphone guitars: a Texan acoustic and a hollow body Casino with Bigsby tremolo. Finally the kids can afford even a Fender, and two 1961 sonic blue Strats enters in John’s and George’s equipmement. John is always very focused on acoustic guitar playing and introduces a new 12-string guitar for these sessions, a Framus Hootenanny. He plays it on “Help!”, “You’ve Got to Hide Your Love Away” and “It’s Only Love.”

John Lennon with the Framus Hootenanny 12-string

Finally, even an electric piano and an organ are played on the recordings made in the spring of 1965: the first one is the Hohner Pianet, played by Paul and John on several tracks on the album; the second is the famous Vox Continental Portable Organ (do you remember The Doors?) played by John on “I’m Down”.


Only for Fingerpicking.net


Paul McCartney returns to be an acoustic guitar player and it happens on one of his masterpieces: “Yesterday.” His versatility on the instrument appears immediately and it’s soon clear now that he desires to explore. The song was composed in G, but is too high to sing. It’s then lowered by a tone, but the chord shapes aren’t changed, so the guitar is tuned a tone lower (in the first take of the song you can hear Paul saying: «I’m in F but I play a G). Even today Paul adopts this system on the live shows! Thus was born a masterpiece, the first Beatles song played by only one of them (at the end of the first live performance in ’65, with only Paul on guitar, John yells: «Thank you Ringo, how was wonderful!»).

Also on “I’ve Just Seen a Face” it seems to be the only McCartney on guitar: actually there are two acoustic rhythm guitars and an overdubbed guitar solo, but unfortunately we do not know who has played the different parts. Surely even the second vocal line is sung by Paul!

Lennon also seems to prefer the acoustic guitar, the aforementioned Framus 12-string. On “Help!” the strumming is typical of Lennon, very determined and syncopated. But on “You’ve Got to Hide Your Love Away” his style is more delicate, with arpeggiated passages in the closing verses and phrases that dubb the vocals in the chorus.

On “It’s Only Love” Lennon ‘discovers’ the use of the capo (on the fifth fret, in this case). In “Yes It Is” John plays the typical chords in Lennon’s style, chords that have forced thousands of young guitarists to replace them with other ‘simplified’ ones, helping to spread the false myth that the Beatles songs are easy to play!

(read the rest on Laster)


I Saw The Beatles Live


By Dennis Conroy

To give some background to my memories of watching The Beatles performing live, it would help if you understood what the world, or more importantly my ‘BB’ world, was like. What does BB mean? Before Beatles. The Beatles first appeared at The Cavern in February 1961, when I would have been 14 years and 4 months old.

I’d been passionate about music for as long as I can remember, but the family piano was a piece of furniture in our house, with far too many white keys to sort out and sinister looking black keys daring you to strike them. My mother, father, brother and sister would each take turns at the instrument during the many parties and get-togethers that took place regularly in our house. Their level of ability is rated in order of mention, starting at the very basic playing of my mother to the highly accomplished skills of my sister, Maureen.

Maureen, or our Mo, had been sent to piano and tap lessons. She could busk along with the elders’ favourites as well as playing adeptly from sheet music! My favourites were “In a Persian Market” and “The Black and White Rag”. My brother Les went on to play professionally, but found the accordion to be his preferred instrument. I know we won’t fall out over my rating our Mo as the best pianist in the family and also the best musician, but she never pursued her talents professionally.

The family piano did however, as I discovered, create some fabulous sounds. I found I could play the riffs of “Raunchy” by Bill Justis and, eventually, “What’d I Say”; but get those two hands playing together, no, humanly impossible. Anyway, “Raunchy” needed to be played on a guitar. The guitar had fascinated me since a friend of my brother had left one in our house, while he went out to the pub with our Les. It was a Hofner, so shiny, shapely and making a fantastic sound when I twanged the strings. I wanted one.

I got a plastic four-string Elvis Presley model guitar for Christmas 1956 or 7, and progressed rapidly to a nylon string Spanish guitar and on to borrowed electric guitars, until I owned a Rosetti Lucky Seven, which I must have had when I first saw The Beatles.

Prior to knowing The Beatles existed, I formed a group with some older guys and we performed at youth clubs, small rock venues and at any parties our parents could get us a booking for. Our program was made up of rock’n’roll standards – Little Richard being my favourite, closely followed by Chuck Berry, Elvis, Eddie Cochran and any ‘cool’ American rockers. Unfortunately at that time the artists I loved struggled, with the exception of Elvis, to make the charts in the UK, which were a peculiar mixture of bland pop, novelty songs and very bad covers of great American music. Our group was guilty of trying to please all audiences by playing a cross section of these charts. We did however play quite a lot of instrumentals, the largest number being covers of The Shadows hits, featuring me on lead guitar and echo chamber. Beguiled by how professional the echo chamber made my guitar sound, we invested in one for our vocals. N.B. this is a quite significant event in relation to The Beatles.

I was a very cocky and confident guitarist and my burning love for music consumed my life. Playing semi-professionally while still at school did little to help with my expected academic progress, but did wonders for my ego, which convinced me it was only a matter of time before I’d be topping our bland UK charts with my little combo, and echo chamber.

Life changed dramatically when I joined a dancing school aged about twelve and a half. I’d moved school at eleven and my friends from my first school persuaded me to go to a dancing school with them, because you got to hold girls bodies close to yours. This seemed like a good idea.

At the dancing school we were given partners to dance with and mine was the school beauty. It turned that her mother’s family and my mother’s family lived in the same house when they were young girls in Liverpool – a common occurrence then. My mum and grandma (Big Nan) had us married off but, alas, it was not to be. However the beautiful and lovely Clare Kennedy did change my young life forever one night at the dancing school, when she asked me this seismic force question.

«HAVE YOU SEEN THE BEATLES?»

(1 – to be continued)

«I think I’m gonna be sad, I think it’s today»

Dopo anni di vita ‘on the road’, è bastato togliere i ragazzi dalla strada, che tutto è cambiato. Lontani dal movimento continuo, dal rock’n’roll sudato di Amburgo e del Cavern, per arrivare a quello ‘ripulito’ dell’ Ed Sullivan Show, i quattro cambiano strada, e sarà per sempre.

Help! è l’album della svolta, secondo molti. Noi pensiamo sia solo una nuova faccia dello stesso processo che trasformò la musica da quella che era a quella che è oggi. La title track è un brano nel quale la somma degli elementi offre molto più di ciò che dovrebbe: dai cori alla forma stessa della canzone, chissà che impatto ad averla ascoltata allora! Ogni loro uscita di questo tipo era una brusca sterzata inflitta a tutto il movimento pop, i quattro erano sempre un passo o due avanti a tutti. Per non parlare di “Ticket to Ride” o “Yesterday”.

Se la flessione di Beatles for Sale era apparsa come un fantasma, nulla meglio di un disco infarcito di capolavori poteva scongiurarla.

Continuiamo il gioco iniziato mesi fa, troppo divertente, e andiamo a formare una nuova scaletta per questo album, inserendo i brani editi solo su 45 giri e magari togliendo un paio di cover che poco aggiungono. Vediamo cosa accade:

  • Help!  (Lennon-McCartney)
  • The Night Before  (Lennon-McCartney)
  • You’ve Got to Hide Your Love Away  (Lennon-McCartney)
  • I Need You  (Harrison)
  • Another Girl  (Lennon-McCartney)
  • You’re Going to Lose That Girl  (Lennon-McCartney)
  • Ticket to Ride  (Lennon-McCartney)
  • Yes It Is  (Lennon-McCartney)
  • It’s Only Love  (Lennon-McCartney)
  • You Like Me Too Much  (Harrison)
  • Tell Me What You See  (Lennon-McCartney)
  • I’ve Just Seen a Face  (Lennon-McCartney)
  • Yesterday  (Lennon-McCartney)
  • I’m Down (Lennon-McCartney)

Salta subito agli occhi il fatto che George inizia a ritagliarsi un maggiore spazio: la sua partecipazione come autore è di ben due brani, innovazione non da poco conto, se si considera chi era a scrivere il resto!

George Harrison con la Gibson J-160E durante le riprese di "Help!"

La vita in studio, a differenza di quella su strada, dà loro più tempo per scrivere, arrangiare, sperimentare nuove soluzioni e anche iniziare collaborazioni con nuovi musicisti. Per la prima volta un flauto, su “You’ve Got to Hide Your Love Away”, e un quartetto d’archi su “Yesterday”, a completare il capolavoro per quella che sarà la canzone più reinterpretata da altri e più trasmessa dalle radio di tutto il mondo, nella storia.
La svolta si nota nelle composizioni, sempre più mature e ricercate, nelle parti sempre meno ‘live’ e più curate, e nel fatto che Help! è forse il loro lavoro più acustico fino a quel momento. Molti brani hanno una forte connotazione ‘unplugged’: canzoni come “I’ve Just Seen a Face” e “Yesterday” sono completamente acustiche, mentre la dylaniana “You’ve Got to Hide Your Love Away” è addirittura il primo brano interamente suonato con strumenti non elettrici nella loro discografia.
Le novità sono anche chitarristiche: Paul che suona l’elettrica su “Ticket to Ride”, George che usa un pedale volume e – udite udite – un wha-wha, ben prima che Jimi Hendrix facesse la sua comparsa sulla scena inglese!
In realtà i quattro non lasciarono a casa il rock’n’roll, anzi: alcune interpretazioni in quelle sessioni di registrazione sono fra le migliori da loro prodotte. Sì, perché “I’m Down”, “Bad Boy” e “Dizzy Miss Lizzy” (queste ultime due di Larry Williams, omaggiato anche in passato con “Slow Down”) sono la prova che le buone abitudini non si perdono mai! E pensare che proprio “I’m Down”, così strillata da Paul, fu il preludio alla registrazione di “Yesterday”. Alla faccia della versatilità! E la stessa “You’re Going To Lose That Girl”, così sfacciatamente in stile beat primo periodo, non avrebbe sfigurato su un disco precedente.


In esclusiva per Fingerpicking.net


Il lato acustico viene fuori prepotente in quello che possiamo considerare il primo vero album ‘da studio’ dei Beatles, valutando quanto poco tempo dedicassero alle registrazioni in passato. Lennon posa la Rickenbacker in favore della Gibson. McCartney ci regala la bella “I’ve Just Seen a Face”, ma soprattutto “Yesterday”, della quale ci sembra inutile sottolineare aspetti già analizzati da molti più bravi di noi in passato: limitiamoci a dire che Paul entrò in studio con la sola chitarra acustica, oltre alla voce, e immortalò qualcosa che il mondo farà fatica a dimenticare. Al quartetto d’archi, chiamati da George Martin e dei quali fu entusiasta da subito, si limitò a dire: «Niente vibrato, per favore!»

John Lennon con la Gibson J-160E

Gli arrangiamenti
Se accennare agli archi che accompagnano McCartney su “Yesterday” può sembrare banale, forse non lo è il notare la figura ritmica che Ringo suona su “Ticket to Ride”: alcuni sostengono fosse stata suggerita proprio da Paul, fatto sta che sembra più uno stacco che un accompagnamento, ma funziona alla perfezione. L’altra novità è nel fatto che ormai non si considera più indispensabile far ricorso all’ossatura ‘live’ della band: una volta acquisite le tecniche base da adottare in studio, si può tranquillamente far ricorso a poche ma efficaci parti; questo ovviamente inizia a penalizzare il povero Ringo, perché la batteria era la prima a trasformarsi in tamburello o maracas.
Comunque qualche salto nel passato, come “I’m Down” o “Dizzy Miss Lizzy”, era utile a rinfrancare lo spirito. Nessuno dei quattro aveva intenzione di mollare il rock’n’roll che li aveva cresciuti, come vedremo in futuro. Resta il fatto che la sola “Ticket to Ride” supera i tre minuti di lunghezza, gli altri brani si fermano tutti prima, a rinnovare una consuetudine. Più corto è, meglio è.

Le voci
“Yes It Is”, retro del primo 45 giri di lancio dell’album, è scritta sulla falsariga di “This Boy” senza raggiungerne la drammaticità complessiva, ma offre una performance vocale di altissimo livello e un’armonia delle voci piuttosto complessa. La stessa “Help!” è innovativa grazie anche alle voci, che prendono vita in una nuova linea melodica, la quale anziché rispondere al cantante ne anticipa le frasi. Per il resto la solita gestione tipo ‘tu canti, noi rispondiamo’, nella quale erano maestri.
Anche “Another Girl” presenta una interessante doppia voce sulla frase «Who will love me ‘till the end», con una particolare armonizzazione di quelle che a John e Paul piacevano particolarmente: spesso evitavano di seguire la voce principale, ma costruivano una seconda parte che potesse andare sia più in alto che più in basso rispetto alla voce solista.

(leggete il resto su Laster)


I pensieri di Winston


di Davide Canazza

Con Help! si avverte che qualcosa è cambiato. Alla maturità compositiva si aggiunge anche la scoperta di nuove sonorità e nuovi strumenti musicali. E per la prima volta suonano strumentisti esterni ai quattro Beatles e a George Martin: il flauto di Johnny Scott su “You’ve Got to Hide Your Love Away” e il quartetto d’archi su “Yesterday”. Ma anche gli strumenti dei quattro di Liverpool si arricchiscono.

Paul McCartney con la Epiphone Texan

Paul ha da poco riscoperto la chitarra e, dalla fine del ‘64, è il felice proprietario di due Epiphone: una Texan acustica e una Casino semiacustica con leva Bigsby. Finalmente i ragazzi si possono permettere anche delle Fender, ed ecco che due Strato del 1961 in colorazione sonic blue entrano a far parte dell’arsenale di John e George. John è sempre molto concentrato sulla chitarra acustica e proprio per queste session inaugura una nuova 12 corde, una Framus Hootenanny che usa su “Help!”, “You’ve Got to Hide Your Love Away” e “It’s Only Love”.

John Lennon con la Framus Hootenanny 12-string

Infine anche un piano elettrico e un organo trovano spazio nelle registrazioni della primavera del 1965: il primo è il Pianet della Hohner, suonato da Paul e John in numerosi brani dell’album; il secondo è il famoso Vox Continental Portable Organ (avete presente i Doors?) suonato da John su “I’m Down”.


In esclusiva per Fingerpicking.net


Paul McCartney ritorna ad essere chitarrista acustico e lo fa con uno dei suoi capolavori: “Yesterday”. E subito emerge la sua versatilità e la voglia di esplorare sullo strumento. La canzone viene composta in Sol, però la tonalità è troppo alta. Viene quindi abbassata di un tono ma, per non cambiare le diteggiature, la chitarra viene accordata un tono sotto (nella take 1 del brano si sente Paul che dice: «I’m in F but I play a G»). Ancora oggi, dal vivo, Paul adotta questo sistema! Così è nato un capolavoro, la prima canzone dei Beatles suonata solamente da uno di loro (alla fine della prima esecuzione live nel ‘65, con il solo Paul alla chitarra, John esclamerà: «Thank you Ringo, how was wonderful!»).
Anche su “I’ve Just Seen a Face” sembra esserci il solo McCartney: in realtà le chitarre acustiche sono due nelle ritmiche, più un assolo sovrainciso, ma purtroppo ignoriamo chi abbia suonato le diverse parti. Sicuramente è di Paul anche la seconda voce!
Anche Lennon sembra prediligere l’acustica, la sopracitata Framus 12 corde. Su “Help!” lo strumming è quello tipico di Lennon, molto deciso e sincopato. Ma su “You’ve Got to Hide Your Love Away” lo stile si fa più delicato, con passaggi arpeggiati in chiusura delle strofe e con fraseggi che doppiano il cantato nel ritornello.
Su “It’s Only Love” Lennon ‘scopre’ l’utilizzo del capotasto mobile (al V tasto, nella fattispecie). In “Yes It Is” utilizza accordi tipici dello stile lennoniano, proprio quegli accordi che hanno costretto migliaia di giovani chitarristi a rimpiazzarli con altri ‘semplificati’, contribuendo a diffondere il falso mito che le canzoni dei Beatles sono facili da suonare!

(leggete il resto su Laster)


Ho visto i Beatles dal vivo


di Dennis Conroy

Per dare uno sfondo ai miei ricordi risalenti a quando vidi i Beatles dal vivo, potrebbe aiutare il capire come fosse il mondo, o meglio il mio mondo ‘AB’. Cosa significa ‘AB’? Ante-Beatles. I Beatles esordirono al Cavern nel febbraio 1961, quando io avevo 14 anni e 4 mesi.

Avevo la passione per la musica fin da quando ho ricordi, ma il pianoforte a casa nostra era un pezzo di arredamento e aveva troppi tasti bianchi da capire e inquietanti tasti neri che ti sfidavano a essere suonati. Mia madre, mio padre, mio fratello e mia sorella si alternavano allo strumento in occasione delle molte feste che si tenevano da noi con regolarità. Il loro livello di abilità è segnato dall’ordine in cui li ho menzionati, iniziando dal livello appena amatoriale di mia madre, per arrivare alle ottime qualità di mia sorella Maureen.
Maureen, detta Mo, aveva ricevuto lezioni di piano. Poteva suonare le canzoni più vecchie ad orecchio o leggere alla perfezione uno spartito! I miei brani preferiti erano “In a Persian Market” e “The Black and White Rag”. Mio fratello Les iniziò a suonare da professionista, ma scoprì che la fisarmonica era il suo strumento. So che Mo resterà sempre la miglior pianista di famiglia e la miglior musicista, ma non ha mai dato seguito al suo talento da professionista.
Il piano di famiglia regalava, come scoprii, dei suoni straodinari. Imparai a suonare “Raunchy” di Bill Justis e, successivamente, “What I’d Say”; ma far suonare le due mani insieme no, era umanamente impossibile! Comunque “Raunchy” andava suonata con la chitarra. La chitarra mi affascinava sin da quando un amico di mio fratello ne lasciò una da noi andando al pub con Les. Era una Hofner così brillante, dalla forma accattivante e che produceva un suono bellissimo quando pizzicavo le corde. Ne volevo una.
Mi regalarono una chitarra di plastica a 4 corde modello Elvis Presley per Natale nel 1956 o ’57, e passai rapidamente a una chitarra spagnola con corde di nylon per arrivare a chitarre elettriche imprestate, fino a che diventai possessore di una Rosetti Lucky 7, che dovevo avere quando vidi i Beatles per la prima volta.
Prima di conoscere l’esistenza dei Beatles, formai un gruppo con ragazzi più grandi e suonammo in circoli giovanili, piccoli locali rock e a qualsiasi festa i nostri genitori riuscissero a procurarci un ingaggio. La nostra scaletta era fatta di standard rock’n’roll: Little Richard era il mio preferito, seguito a ruota da Chuck Berry, Elvis, Eddie Cochran e qualunque rocker americano ‘molto fico’. Sfortunatamente a quel tempo gli artisti che amavo, fatta eccezione per Elvis, combattevano per un posto nelle classifiche inglesi, che erano una strana miscela di pop leggero, canzoni nuove e pessime cover di brani americani. Il nostro gruppo era colpevole di proporre una selezione da quelle classifiche. Comunque suonavamo diversi strumentali, in prevalenza brani degli Shadows, con la mia chitarra solista in bella evidenza grazie anche a una unità riverbero esterna. Il riverbero mi faceva sembrare più bravo, e per questo ne comprammo un altro da mettere sulla voce. Nota bene, questo è un evento significativo in relazione ai Beatles.
Ero un chitarrista molto arrogante e sicuro di sé e la mia passione per la musica consumava la mia vita. Suonare semiprofessionalmente mentre ancora andavo a scuola aiutava poco i miei progressi scolastici, ma accresceva di molto il mio ego, il che mi convinse che di lì a poco sarei stato in cima alle classifiche inglesi con il mio piccolo gruppo, e il mio riverbero.
La vita cambiò drammaticamente quando entrai in una scuola di ballo a circa dodici anni e mezzo. Avevo cambiato scuola a undici anni e i miei amici dalla prima scuola mi avevano convinto a frequentare le lezioni di danza, perché per ballare dovevi stringere le ragazze al tuo corpo. Sembrava un’ottima idea.
Alla scuola di danza ci assegnarono delle compagne e la mia era la più carina della scuola. Venne fuori che le famiglie delle nostre madri vivevano nella stessa casa quando erano giovani ragazze a Liverpool, cosa piuttosto comune a quel tempo. Mia madre e mia nonna (Big Nan) ci avevano già dati per sposati ma, ahimè, questo non sarebbe successo. In ogni caso la bella e amabile Clare Kennedy cambiò per sempre la mia vita quando, una sera alla scuola di ballo, mi fece questa domanda dalla forza tellurica.

«HAI MAI VISTO I BEATLES?»

(1 – continua)

...sull'Autore

Related Posts

  1. Alejandro Alvarez Rodríguez Reply

    Muy interesante tu comentario. es un aporte, no siempre se habla de The Beatles en forma inteligente. Lo fundamental es y será y fue su música, sus creaciones. Gran detalle para compartir tu experiencia al verlos en concierto (bajo el ruido aullante…) Excelentes el incluir lo de sus guitarras. Muchos nos fascinamos con todo lo referente a Beatles. Mi caso con 12 años de edad… ver Help! Y CONTEMPLAR LA 12 STRINGS fRamus. Un sueño, Greetings from Chile. South America at the End of the World.

Lascia il tuo commento

*

Captcha * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.