Un anno di Beatles – 2

“Close your eyes, and I’ll kiss you”…

Some people say (few, thankfully) that the early Beatles were quite poor and have really started to make music from Revolver on. We obviously disagree. Here is a simple argument: if we took the songs of the 45’s putting them inside the album replacing cover songs, we would get one of the most beautiful and important records of pop’s history. Do we really want to play? Here’s the LP if the singles had been part of it, as usually happens:

  1. She Loves You
  2. It Won’t Be Long
  3. From Me to You
  4. All I’ve Got to Do
  5. All My Loving
  6. Hold Me Tight
  7. I Want to Hold Your Hand
  8. This Boy
  9. Little Child
  10. Not a Second Time
  11. Don’t Bother Me
  12. Thank You Girl
  13. I Wanna Be Your Man
  14. I’ll Get You

Now “A Hard Day’s Night” is not the first all-originals-made album!

Let’s be serious again.

You can think what you want, but between April and August 1963, in the world of pop music, everything has changed, forever. “From Me To You” and “She Loves You” significantly transform the song’ shape, today we listen to music paying less attention to certain changes, but happened with them is now very evident. Let us be clear, they were not the first to write songs, great composers existed before and after them, but in 1963 songs like those just mentioned were intended to disrupt everything.

In this second episode we start to allocate arbitrarily the 45’s to the various LPs.

  • 11/04/63          From Me to You / Thank You Girl (45 rpm)
  • 23/08/63         She Loves You / I’ll Get You (45 rpm)
  • 22/11/63          With the Beatles (LP)
  • 29/11/63          I Want to Hold Your Hand / This Boy (45 rpm)

In fact, the single “From Me To You / Thank You Girl” is much closer to Please, Please Me than to With The Beatles ( it came out just a month later!) but for them, and then for us it’s like to begin a new era , you finish a job and immediately start thinking about the next. In fact, “From Me To You” is a step forward in terms of composition, the boys grew quickly, and it was real. Beatles are more … Beatles, if you pass the analogy. George Martin had decided to put pressure on the boys, asking them to produce a #1 single in every three months, the result was the publication of a dozen discs in seven years, plus a lot of 45’s. Just thinking of numbers is already embarrassing!

“From Me To You” has a simple harmonic structure in which several elements are wisely mixed: the song is in C major but with a classic II°/V°/I° (Gm/C7/F) we move to the F chord; D major leads us to G and the G5+ bring us back home. An “out of place” dominant chord is right in the middle, that F7 (on the IV° instead the V°) under the words “Just call on me” gives a “bluesy” sound the four guys really loved, Lennon-McCartney often used that solution (see below).

Immagine anteprima YouTube

The power of “She Loves You”, that started from the refrain with the devastating force of three simple words of love shouted to the world and used together with the most common word in ‘900, that “Yeah” that in years took the most different shapes, not only changed cards on the table, it changed game’s rules. The G major harmonic structure is simple, but the C minor that anticipates the D right before George’s guitar riff and the refrain next, is nothing but perfect; not to mention Harrison’s riff, played on the Blues scale while the band is playing everything but a Blues! Fantastic. Writing a hit song after this one became something different.

Immagine anteprima YouTube

Another element to understand how undervalued some of their early compositions are, comes from an example of our times, the beautiful Julie Taymor’s movie, “Across The Universe”: the choice of two Beatles’ songs not really popular as “It Won’t Be Long” and “Hold Me Tight”, sang by Evan Rachel Woodand arranged as modern pop-songs, show how the Fab Four were ahead of their time. The songs have a devastating impact (even because of the right place in the movie) and if they were written today we’d wonder who the hell is the composer. The first one (opening track for With The Beatles) starts with the refrain, showing how some choices were everything but accidental, the latter has a simple harmony with the F/Bb/G/C all as dominant 7th chords! Lennon’s rhythm is the almost abused r’n’r accompaniment based on a power-chord and the little finger moving from the minor to the major 3rd, but all the chords are dominant 7th as if it was a Blues, while it wasn’t. And by analyzing the harmonic structure, we realize that the B part is anything but obvious: the chord progression F/Ab/F/Bb/Gm/G/C7 is a continuous inside-outside the key, demonstrating how the boys were beginning to play with music.


Only for Fingerpicking.net


Steel or nylon string guitar is seldom used by The Beatles if not for playing rhythm, but when we find a more complex part it is often a small masterpiece: “Till There Was You” is no exception. What Harrison plays with the nylon string is simply perfect, his phrasing is fluid, embellishments fit the melody perfectly and the lead part is there to stay. Among other things, the song (once again they found something that anyone else would have overlooked) sees the use of major, minor and diminished seventh chords, on which the guitar builds a beautiful melodic line.

Arrangements

The matter, compared to what is written in the first part of this work, will change little over a year: what we hear for most of the time as an accompaniment to the singing voices is Paul’s bass, Ringo’s drums and a lean but effective John’s rhythm guitar. George always intervenes to embellish, highlight and fill, but never plays all its cards at once, so every song is based on simple elements, the band’s sound had already been run, and they fully exploit it.

Small side note: Ringo was known for not wanting to do solos, but the two short fills that he plays on “Thank You Girl”’s final demonstrate an excellent preparation for a drummer considered ‘poor’.

Voices

What was already good gets better and better: needless to emphasize the incredible effectiveness of the opening lines of “She Loves You”, we also notice that almost every song has a harmonized part or a response chorus to the lead. Amazing is the performance on “Please Mr. Postman”, already #1 in 1961 with the Marvelettes: here the four Beatles have a significant charge. The best vocal performance, however, remains that of “This Boy”, b-side of “I Want to Hold Your Hand” and built like the most classic of the ’50s ballad in 6/8: the three vocalists, led by John that wastes is throat in more than a moment, sing together on part A and then split, with Paul and George harmonizing the B in an exemplary way .

It must be said that George and Ringo continues to carve out little room as singers, nothing special until now, but the space in the future will increase.

(read the rest on Laster)


Winston’s Thoughts


by Davide Canazza

While in the UK With the Beatles was released, on November 22nd, 1963, America suffered one of the saddest and heaviest facts of their still young history: president John Fitzgerald Kennedy was murdered. But the young americans would soon pass over that tragic moment and would be invaded by the notes of the four guys from Liverpool, who climbed the Us charts with “I Want to Hold Your Hand.”

With the Beatles and the singles released in those days represent a turning point even if the album is considered a transition LP: it’s the definitive confirmation of the Beatles in their country and in Europe, and opens the doors of the American market. In this work the musical power of the four is more evident, they explore and search new sounds, more instruments find their way other than bass, guitars, mouth harp and a standard drum set.

Original songs are more mature, Harrison begins to write and contributes with “Don’t Bother Me”, a song that would fit Pulp Fiction soundtrack! Even covers, 6 on 14 total tunes, are well chosen and played with taste.

With the Beatles has probably less acoustic guitars than Please Please Me, but “Till There Was You” is enough to even the score! If acoustic guitar was used until then to play rhythm parts, on this tune we find Lennon playing a jazzy acconpaniment and Harrison playing a nylon string that plays fill-in notes and a solo that Daniele described above.

John’s acoustic comes back on “From Me to You”, the third band’ single, and on “This Boy”, doubled by Harrison’s electric. George adds a third guitar on the final part, overdub lately.

John’s mouth harp on “Little Child” is worth to be remembered, the bluesy style says a lot about where their influences came from.

The video example is Lennon’s acoustic part on “Till There Was You”.

Immagine anteprima YouTube

(read the rest on Laster)


“I played with John Lennon”


by Rod Davis

We are lucky enough to share with all of you Rod Davis’ thoughts, he was an original member of The Quarrymen, the first band John Lennon ever played with. Rod is part of the famous picture in which a young Lennon leads the band in which Davis played the banjo. Now the English musician tours the world with the re-formed Quarrymen and takes us back in time, when everything was beginning.

The Quarrymen perform at the Woolton Parish Church Fete, 1957, July 6. From left to right: Eric Griffiths, Colin Hanton, Rod Davis, John Lennon, Pete Shotton, Len Garry (http://www.shotaddict.com/wordpress/2007/09/27/4130.html)

Dear Rod, thank you for your contribution! Why don’t you tell us about those days, and how skiffle evolved in beat music?

In late 1955 Decca Records issued as a 78rpm single on their Decca Jazz label two tracks by the Lonnie Donegan Skiffle Group, “Rock Island Line” and “John Henry”. The group was a sub-unit of the Chris Barber Band, who played New Orleans Jazz; the members of the group were: Donegan himself on guitar and vocal (he usually played banjo in the full band), Beryl Bryden on washboard (she was the band’s female vocalist) and Chris Barber himself on string bass (he usually played trombone). The two tracks were taken from an LP made in 1954 called New Orleans Joys. Decca had issued all the other tracks as singles and the two skiffle tracks were the last to be issued.

Towards the end of 1955 “Rock Island Line” became very popular indeed and went to the top of the UK charts in January 1956. I have a ticket stub for the Liverpool Empire Theatre for Sunday 1 January 1956, where Lonnie Donegan was appearing with the Chris Barber Band. So quite clearly skiffle was having a huge impact on the youth of Britain at this time. I first remember hearing the track sitting in my father’s car outside a record shop in the town of St Helen’s near Liverpool and I thought that the sound of it was just fantastic, a tremendous contrast to all the other music which was being played at the time.

“Rock Island Line” had the same effect on thousands of youngsters in Britain and they were inspired to start skiffle groups and learn to play the guitar or banjo. According to Chas McDevitt, himself the leader of a famous skiffle group, there were more guitar shops burgled than jewellery shops in 1956, as desperate teenagers tried to obtain guitars.

John Lennon, Eric Griffiths and I were amongst those affected. Eric and John acquired two very cheap guitars (this was even before John’s Gallotone, which was in fact his second guitar) and they went to a guitar teacher to learn how to play. However they soon realised that the teacher wanted to teach them how to play from music, while all they wanted was a few chords. John’s mother Julia could play the G banjo, so she suggested that they tune their guitars like banjos and she would teach them a couple of banjo chords, which they did.

I had an uncle who used to play in a band in Wales and a friend of his was selling a guitar and a banjo. By the time I found out about this, the guitar had been sold so I ended up with the banjo. The next day I went into Quarry Bank School and saw my friend Eric and told him I had just bought a banjo. He asked me if I wanted to be in a group with John Lennon, Pete Shotton, Eric himself and a lad called Bill Smith on the tea chest bass. I was delighted and soon learned to play the chords by ear. The others must have been playing for some weeks as they seemed to be able to play quite a few songs.

The repertoire was taken from our hero, Lonnie Donegan, and other successful skiffle groups of the time, Chas McDevitt, Bob Cort, etc.  It was often difficult to get the words of the songs as we were still schoolboys (I was 14 when the Quarrymen started, John was a year older than me). So we would listen to the radio and try to copy down the words of the songs. This meant several attempts on different days and we were not always successful, so John would fill in the gaps with a few appropriate sounding words.

We discovered fairly quickly that the same three chords which worked for skiffle songs also worked for rock ‘n’ roll, and so more of this type of music found its way onto our repertoire. The band lineup changed in late 1956 as Bill Smith left under pressure from his father to concentrate on his schoolwork. He was replaced by Len Garry on tea chest bass, and Len happened to come from the same school as Paul McCartney and George Harrison. We also acquired a drummer, Colin Hanton, who was a couple of years older than the rest of us. Colin was an apprentice upholster and thus from his wages he was able to buy a cheap drumkit on instalments from the famous Frank Hessy’s shop in Liverpool. Colin was interested in jazz and that was why he had bought the drums. Although I had known Colin for about ten years, it was Eric who discovered he had a drumkit and who invited him to join the band.

(end of first part)

“Close your eyes and I’ll kiss you”…

Alcuni sostengono (pochi, per fortuna) che i Beatles del primo periodo erano abbastanza scarsi e che abbiano iniziato veramente a fare musica da Revolver in poi. Ovviamente non siamo d’accordo. Basta fare un semplice ragionamento: se prendessimo i brani dei 45 giri mettendoli al posto delle cover nell’album, otterremmo uno fra i dischi più belli e importanti della storia del pop. Vogliamo giocare davvero? Ecco il nostro album se i singoli ne avessero fatto parte, come di solito accade:

  1. She Loves You
  2. It Won’t Be Long
  3. From Me to You
  4. All I’ve Got to Do
  5. All My Loving
  6. Hold Me Tight
  7. I Want To Hold Your Hand
  8. This Boy
  9. Little Child
  10. Not a Second Time
  11. Don’t Bother Me
  12. Thank You Girl
  13. I Wanna Be Your Man
  14. I’ll Get You

Ecco che A Hard Day’s Night non sarebbe più il primo album tutto di originali!

Torniamo seri.

Si può pensare ciò che si vuole, ma fra aprile e agosto 1963 nel mondo della musica pop è cambiato tutto, e per sempre. “From Me to You” e “She Loves You” trasformano in maniera significativa la forma canzone: oggi ascoltiamo musica di ogni tipo e a certe modifiche si fa meno attenzione, ma quello che è accaduto grazie a loro è ora molto evidente. Sia chiaro, non sono stati i primi a scrivere canzoni, grandi compositori ci sono stati prima e dopo, per nostra fortuna, ma nel 1963 canzoni come quelle appena citate erano destinate a sconvolgere tutto.
Con questa seconda puntata inizia l’assegnazione arbitraria di questo o quel 45 giri ai vari LP.

  • 11/04/63          From Me to You / Thank You Girl (45 giri)
  • 23/08/63          She Loves You / I’ll Get You (45 giri)
  • 22/11/63          With the Beatles (LP)
  • 29/11/63          I Want to Hold Your Hand / This Boy (45 giri)

In effetti il singolo “From Me to You / Thank You Girl” è molto più vicino a Please Please Me che a With The Beatles (uscì solo un mese dopo!) ma per loro e quindi per noi è come se iniziasse una nuova era: finito un lavoro si inizia subito a pensare al successivo. E in effetti proprio “From Me To You” è un passo avanti dal punto di vista compositivo, i ragazzi crescevano in fretta, e si sentiva. Sono più… Beatles, se ci passate il termine. George Martin aveva deciso di mettere sotto pressione i ragazzi chiedendo loro di produrre un singolo da #1 in classifica ogni tre mesi, il risultato fu la pubblicazione di una dozzina di dischi in sette anni, più numerosi 45 giri. Pensare solo ai numeri è già abbastanza imbarazzante!
“From Me to You” ha una semplice struttura armonica all’interno della quale sono miscelati in maniera sapiente vari elementi: il brano è in DO maggiore ma con il più classico dei II/V/I (SOLm/DO7/FA) si passa sul FA, appunto; il RE maggiore guida poi verso il SOL e il SOL5+ ci riporta a casa. In mezzo c’è un accordo di settima dominante ‘fuori posto’ se così vogliamo dire (sul IV grado anziché sul V), quel Fa7 in corrispondenza delle parole “Just call on me” che conferisce al passaggio un sapore ‘bluesy’ molto amato dai quattro, soluzione spesso utilizzata da Lennon-McCartney (vedi sotto).

Immagine anteprima YouTube

La potenza di “She Loves You”, che iniziava dal ritornello con la forza devastante di tre semplici parole d’amore gridate al mondo e accompagnate dall’intercalare più usato nella storia del ‘900, quello “Yeah” che negli anni ha assunto le forme più differenti, ha cambiato non solo le carte in tavola, ma le regole stesse del gioco. La struttura armonica in SOL è semplicissima, ma il DO minore che precede il RE a lanciare prima il riff di chitarra e poi il ritornello è assolutamente perfetto; per non parlare della frase di Harrison, suonata sulla pentatonica blues (quindi minore) di SOL, mentre la band sta suonando tutto tranne che un blues! Fantastico. Scrivere canzoni di successo dopo questa è stato diverso.

Immagine anteprima YouTube

Un altro elemento che ci fa capire quanto siano sottovalutate alcune loro composizioni del primo periodo viene da un esempio molto vicino a noi, il bellissimo film Across the Universe di Julie Taymor: la scelta di due brani da molti ritenuti minori come “It Won’t Be Long” e “Hold Me Tight”, messi in bocca a Evan Rachel Wood e arrangiati come pop song di oggi, dimostra quanto i Fab Four fossero avanti rispetto al loro tempo; le due canzoni (anche grazie al giusto inserimento nel film) hanno una potenza devastante, e se fossero state scritte oggi e suonate da una band di ragazzini ci chiederemmo chi diavolo sia l’autore. La prima (che apre l’album With The Beatles) inizia anch’essa con il ritornello, a dimostrazione di quanto certe scelte non fossero casuali, e la seconda ha una struttura semplice con gli accordi di FA/SIb/SOL/DO tutti di settima dominante! La ritmica di Lennon è quella spesso usata nel rock’n’roll con un power chord e il mignolo che suona la terza minore-maggiore che si sposta sul basso, ma gli accordi sono di settima come nel blues, e ancora una volta questo elemento è usato in parte fuori contesto. E analizzando la struttura armonica ci si rende conto che anche la parte B è tutto fuorché scontata: la progressione di accordi FA/LAb/FA/SIb/SOLm/SOL/DO7 è un continuo entrare e uscire dalla tonalità, a dimostrazione di quanto i ragazzi cominciassero a giocare con la musica.


In esclusiva per Fingerpicking.net


La chitarra acustica o classica nei Beatles è poco usata, se non per accompagnare, ma quando troviamo una parte più studiata si tratta sempre di piccoli capolavori: “Till There Was You” non fa eccezione. Quello che Harrison suona con la sei corde di nylon è perfetto, il fraseggio è fluido e lineare, gli abbellimenti si incastrano perfettamente con il cantato e l’assolo resta scolpito nella memoria. Fra l’altro il brano (ancora una volta sono andati a pescare qualcosa che chiunque altro avrebbe trascurato) vede l’utilizzo di accordi di settima maggiori, minori e diminuiti, sui quali la chitarra costruisce una linea melodica splendida.

Gli arrangiamenti
Il discorso, rispetto a quanto scritto nella prima parte di questo lavoro lungo un anno, cambia poco: ciò che ascoltiamo per la maggior parte del tempo come accompagnamento alle voci di chi canta è il basso di Paul, la batteria di Ringo e una scarna ma efficace ritmica di John. George interviene sempre ad abbellire, sottolineare e riempire, ma non gioca mai tutte le sue carte subito, ogni canzone si regge quindi su semplici elementi, il sound della band era già rodato e i nostri lo sfruttavano appieno.
Piccola nota a margine: Ringo era noto per non voler fare assoli, ma i due brevi fill che suona sul finale di “Thank You Girl” dimostrano una preparazione eccellente per uno considerato ‘scarso’.

Le voci
Quello che era già buono migliora di continuo: inutile sottolineare l’incredibile efficacia dei versi iniziali di “She Loves You”, inoltre notiamo che quasi ogni brano ha una doppia voce o un coro di risposta al solista. Strepitosa a nostro modo di vedere la performance su “Please Mr. Postman”, già #1 delle Marvelettes nel 1961: i quattro hanno una carica notevole. La miglior performance vocale resta però quella di “This Boy”, retro di “I Want To Hold Your Hand” e costruita come la più classica delle ballad anni ’50 in 6/8: i tre vocalist, guidati da John che si straccia l’ugola in più di un momento, cantano tutti assieme sulla parte A per poi dividersi, con Paul e George ad armonizzare in modo esemplare sul B.
Va anche detto che George e Ringo continuano a ritagliarsi piccoli spazi come cantanti, niente di speciale fino ad ora ma lo spazio, in futuro, aumenterà.

(leggete il resto su Laster)


I Pensieri Di Winston


di Davide Canazza

Mentre in Inghilterra usciva With the Beatles, il 22 novembre 1963, negli Stati Uniti accadeva uno dei fatti più gravi e tristi della loro giovane storia: veniva assassinato il Presidente John Fitzgerald Kennedy. Ma ben presto i giovani americani avrebbero dimenticato questo triste episodio e sarebbero stati invasi dalle note dei quattro di Liverpool che, alla fine di dicembre, scaleranno le classifiche statunitensi con il singolo “I Want to Hold Your Hand.”
With the Beatles e i singoli ad esso contemporanei rappresentano un punto di svolta, nonostante l’album sia spesso considerato un LP di transizione: è il passaggio che consacra definitivamente i Beatles in patria e in Europa e sfonda loro le porte del continente americano.
Già da questo lavoro emergono le potenzialità musicali dei quattro, la voglia di esplorare e di scoprire nuove sonorità, altri strumenti aldilà delle chitarre, del basso, dell’armonica a bocca e del set standard di batteria.
Nelle composizioni originali c’è maturità, Harrison esordisce come autore di “Don’t Bother Me”, un pezzo che non sarebbe stato fuori luogo nella colonna sonora di Pulp Fiction! Ma anche le cover, ben 6 su 14, sono scelte ed eseguite con attenzione e gusto sopraffino.
Forse su With the Beatles ci sono meno chitarre acustiche che su Please Please Me, ma basta la presenza di “Till There Was You” per pareggiare il conto!
Se prima l’acustica era solo uno strumento di accompagnamento suonato saltuariamente da John, qui troviamo un’acustica che esegue un accompagnamento molto jazzato (Lennon) e una classica che suona fill e parti soliste (Harrison), analizzate più approfonditamente da Daniele qualche riga sopra.
La chitarra acustica di John torna su “From Me to You”, il terzo singolo della band, e su “This Boy”, qui raddoppiata dall’elettrica di Harrison. George aggiunge una terza chitarra elettrica sul finale, registrata in fase di sovraincisione.
Degna di nota è la parte di armonica a bocca suonata da Lennon su “Little Child”: lo stile puramente blues la dice lunga su quali fossero le fonti di ispirazione dei quattro di Liverpool!

L’esempio video mostra l’accompagnamento acustico di Lennon in “Till There Was You”.

Immagine anteprima YouTube

(leggete il resto su Laster)


“Ho suonato con John Lennon”


di Rod Davis

Abbiamo la fortuna di poter condividere con voi i pensieri di Rod Davis, membro originale dei Quarrymen, la band con cui John Lennon iniziò la sua carriera. Rod è parte della celebre foto in bianco e nero in cui si vede un imberbe Lennon guidare la giovane band in cui Davis suonava il banjo.
Oggi il musicista inglese gira il mondo con i riformati Quarrymen e ci porta indietro nel tempo a quando tutto ancora doveva iniziare.

I Quarrymen suonano al Woolton Parish Church Fete, 6 luglio 1957. Da sinistra a desta: Eric Griffiths, Colin Hanton, Rod Davis, John Lennon, Pete Shotton, Len Garry (http://www.shotaddict.com/wordpress/2007/09/27/4130.html)

Ciao Rod, intanto grazie per il tuo contributo. Ci vuoi raccontare le tue sensazioni riguardo a ciò che succedeva in quei giorni? Perché non ci parli dello skiffle e di come quella musica si sia evoluta nel beat?
Alla fine del 1955 la Decca pubblicò un 78 giri con due brani del Lonnie Donegan Skiffle Group, “Rock Island Line” e “John Henry”. Il gruppo era una costola della Chris Barber Band, che suonava jazz di New Orleans; i membri del gruppo erano: Donegan alla voce e alla chitarra (di solito suonava il banjo nella band completa), Beryl Bryden al washboard (era la vocalist femminile della band) e lo stesso Chris Barber al basso (di solito suonava il trombone). Le due tracce erano prese da un LP del 1954 intitolato New Orleans Joys. La Decca pubblicò tutti i brani come singoli, e i due in questione furono gli ultimi ad uscire.
Verso la fine del 1955 “Rock Island Line” divenne piuttosto famosa e arrivò in cima alle classifiche inglesi nel gennaio del 1956. Ho un biglietto strappato del 1° Gennaio 1956 per il Liverpool Empire Theatre, dove Lonnie Donegan suonò con la Chris Barber Band. Lo skiffle iniziava ad avere un impatto piuttosto forte sui giovani inglesi. Ricordo ancora di aver ascoltato il brano per la prima volta nella macchina di mio padre davanti a un negozio di dischi: pensai subito che il sound era fantastico, molto meglio di qualsiasi cosa avessi ascoltato fino a quel momento.
“Rock Island Line” ebbe lo stesso effetto su migliaia di giovani inglesi, molti furono ispirati a suonare la chitarra o il banjo e a formare la loro propria band di skiffle. Secondo Chas McDevitt, lui stesso leader di una famosa skiffle band, nel 1956 ci furono più rapine a negozi di strumenti che a gioiellerie, con i ragazzi disposti a tutto pur di avere una chitarra!
John Lennon, Eric Griffiths e io fummo tra quelli colpiti dalla nuova mania. Eric e John comprarono due chitarre molto economiche (prima della celebre Gallotone di John, che fu quindi la sua seconda chitarra) e andarono a lezione da un insegnante per imparare a suonarle. Capirono subito che l’insegnante voleva che imparassero la musica, mentre tutto ciò che loro volevano al tempo era imparare qualche accordo per suonare. Julia, la mamma di John, suonava il banjo in SOL e suggerì di accordare le chitarre nello stesso modo per poter loro mostrare qualche accordo, e lo fecero.
Avevo uno zio che suonava con un gruppo in Galles e un suo amico vendeva una chitarra e un banjo: quando lo seppi, la chitarra era stata venduta, così comprai il banjo. Il giorno dopo andai alla Quarry Bank School e incontrai il mio amico Eric, dicendogli del banjo. Lui mi chiese se volevo suonare in un gruppo con John Lennon, Pete Shotton, Eric stesso e un certo Bill Smith al tea chest bass [variante del washtub bass con la cassa di risonanza fatta con una cassa da thè – ndr]. Ne fui lusingato e imparai in fretta a suonare i primi accordi a orecchio, gli altri dovevano aver già iniziato da un po’ perché sapevano suonare alcune canzoni.
Il repertorio era preso dal nostro eroe Lonnie Donegan e da quello di altri gruppi del momento come quelli di Chas McDevitt e Bob Cort. Era spesso difficile capire tutte le parole delle canzoni visto che eravamo molto giovani (io avevo 14 anni quando si formarono i Quarrymen, John aveva un anno più di me). Così ascoltavamo la radio cercando di copiare le parole. Questo significava diversi tentativi in giorni diversi e non sempre avevamo successo, così John riempiva i buchi con parole sue che andavano bene.
Imparammo presto che i tre accordi che andavano bene per lo skiffle erano adatti al rock’n’roll, e così un numero sempre crescente di brani in questo stile entrarono nel nostro repertorio. La band cambiò formazione quando Bill Smith lasciò per la pressione del padre che voleva si impegnasse di più a scuola. Fu rimpiazzato da Len Garry che veniva dalla stessa scuola di Paul McCartney e George Harrison. Ingaggiammo anche un batterista, Colin Hanton, un paio d’anni più grande di noi. Colin era un apprendista tappezziere, e quindi con il suo salario fu in grado di acquistare a rate una batteria a buon mercato nel famoso negozio di Frank Hessy a Liverpool. Colin amava il jazz e per questo motivo aveva comprato la batteria. Nonostante lo conoscessi da dieci anni, fu Eric a scoprire che aveva lo strumento e lo invitò a unirsi al gruppo.

(fine prima parte)

...sull'Autore

Related Posts

  1. Daniele Bazzani Reply

    Grazie Francesco per il commento davvero intenso, a presto.

  2. Francesco Bucci Reply

    Dovessi spiegare ad un marziano la musica beat, senza troppi giri di parole gli allungherei semplicemente questo disco.
    Qui dentro c’è tutta la gioia, la meraviglia, il senso di euforica onnipotenza di chi scopre che esiste una possibilità che il mondo (tutto il mondo) cada ai propri piedi. With the Beatles è il disco di chi partendo dalla severità delle proprie radici europee (la copertina con i volti tagliati a metà dalla luce, i maglioni a collo alto da esistenzialisti con la frangetta) si va ad appropriare con disinvoltura e competenza della soul music americana. Come ebbe a dichiarare una volta un infastidito Ike Turner, in fondo il beat inglese è solo musica nera con l’accento. E questo è un disco che grida Motown ad ogni solco: anche le canzoni originali non le si fatica ad immaginare sulle bocche di qualche ensemble di neri stilosi e benvestiti e le cover… beh le cover… persino Chuck Berry qui diventa gommoso ed elastico.
    Il retroterra fortemente country & western di George viene fuori sia nell’assolo di All My Loving (tecnica mista con Chet Atkins)che nello spirito che aleggia in Don’t Bother Me (che spreco di drammaticità per una storia d’amore piccina piccina, ma non è forse questa l’adolescenza?).
    Questo disco è un pomeriggio di primavera passato a immaginare l’amore che verrà.

  3. Daniele Bazzani Reply

    Lo sai che il mio primo mangianastri era un Sanyo? Ci ascoltavo tutte le cassette (che ancora ho) dei Beatles!

  4. Giovanni Pelosi Reply

    Complimenti, ragazzacci!
    La cosa che mi colpisce di più è la vostra capacità di capire il valore innovativo di cose che probabilmente erano già state copiate migliaia di volte prima che voi nasceste.
    Non vi sto a dire che effetto ha fatto “She Loves You” a me: un missile nello stomaco avrebbe prodotto meno impressione!
    Come per molte altre cose dei primi Beatles, non ho avuto il disco, ma le ascoltavo alla radio (mi fu regalata una radio a transistor, una novità micidiale venuta dal Giappone, una Sanyo) sulla quale avrei poi ascoltato Bandiera Gialla e Per Voi Giovani. Per farla suonare più forte, ci mettevo le batterie (rigorosamente zinco-carbone), tre batterie da 3 volts grandi come saponette, ovviamente all’esterno, mi davano i 9 richiesti.
    La prima versione di “She Loves You” di cui ho posseduto il disco (cioè, era in casa, ma non ne ero il proprietario) l’ho avuta nel 1965, era di Santo e Johnny, lato B “And I Love Her”.

Lascia il tuo commento

*

Captcha * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.