Un anno di Beatles – 1

An old saying: «You can see how things will end by the way they begin». A sentence was never more appropriate than this.

It would be easy to get rid of the Beatles’ first album, Please Please Me, with a couple of short lines, thinking about what to write of masterpieces like Revolver or Abbey Road, but that would be a colossal mistake. In this first, fresh, honest work there’s the whole amazing future story of the band.

  • Pop was changing, and “Love Me Do” is an evident example, with its bluesy veins hidden in the folds of an apparently simple song.
  • The opening «One, Two, Three, Four!» called by Paul on “I Saw Her Standing There” says more than it seems (Paul’s voice is take 9, but the song is take 1) and the song itself is new life for rock’n’roll.
  • The choice to play almost unknown songs of the R’n’B American repertoire is a clear indication of a research work that lasted years.
  • Some of John’s background vocals have a connotation that he will keep during the years: we’ll see lately a small example.
  • George’ skinny and essential playing shows up in the opening track: the guitar solo on “I Saw Her Standing There”, even if built on simple elements, is all but banal.
  • George Martin’s role is immediately fundamental: “Please Please Me” was a slow, Roy Orbison’s-like ballad, but the producer doesn’t like it slow and makes them speed it up to what we know today.
  • The Beatles were 20 years old guys talking to girls, they knew it well and used the trick to speak to them in a direct way –this went on for many hits (love ME, please ME, p.s. I love YOU, I saw HER).
  • Recording “Twist and Shout” as the last number wasn’t a casualty, the guys knew that John would kill his voice with that song and they had to finish in one day, they already knew the job.
  • Martin wanted the first single to be “How Do You Do It”, but they didn’t like it, and it never went on one of their records. They were not struck in awe by the older producer, since the beginning. And when they got confident with the studios and the engineers, at Abbey Road happened any kind of thing.

It comes out that, reading between the lines, helped by the half century that separates us from that debut, who starts well is halfway. First things first.

Everything starts that fateful October 5th, 1962, with the first single that sees the light and the band’s will to play a piece that suits them better than “How Do You Do It”, that Martin would like; The Beatles said they had a reputation in Liverpool and had no intention to spoil it. This is why the choice fell on “Love Me Do”, one of their songs, one with a vaguely blues feel that made it sound unique. We cannot say if it’s country, pop, folk or who knows what, we know for sure it was a peculiar tune, with a key hard to identify: as soon as we think we’re in C major the D major comes to tell us we’re in G. Maybe not, doesn’t matter. Fact remains that the song is simply arranged: bass, drums, acoustic guitar, with some hands clapping and John’s harmonica to complete all. And the refrain is sang by Paul because John had to play the harmonica, or he would sing it.

Simple is the B-side, too: “P.S. I Love You” is a well written, unpretentious song, but Paul’s wriggle at 1.28 of the song anticipating «Remember that I’ll always» with a «You know I want you to» almost shouted, says a lot more than it appears, if we know a little of the black and R’n’R music that inspired them. You don’t do that if you’re a crooner.

From now on and for a long year, beginning to write about the Fab Four, we’d like to make a due clarification because we know that Beatles’ followers are of many different kinds and careful about what’s written: on this pages you won’t find detailed note-for-note transcriptions or a meticulous analysis of what happened; there’s dozens of great music books for that or the amazing The Complete Beatles Recording Sessions: The Official Story of the Abbey Road Years by Mark Lewisohn (Hamlyn, 1988), a real treasure for all of us. Our contribution is based on our feelings and the analysis of small elements, or instead of 12 episodes we needed 1200.


Only for Fingerpicking.net


The ‘acoustic’ analysis of the Fab Four’s guitar work will be enriched here on Fingerpicking.net by several kind of thoughts, as the band was mainly electric in the first years: we start from the two Gibson J160E acoustics bought by George and John and payed by Brian Epstein on September 10th, 1962, and from the fact that on the first song ever issued by the band there’s this acoustic, not the electric guitars. A small thing, but worth to be remembered.

Arrangements

Let’s forget the commonplace that “The Beatles couldn’t play”: we heard this, even from fellow musicians, too many times.

Let’s put the needle on the record and play “I Saw Her Standing There”: the impact is devastating; if we think we’re just listening to bass, drums and a guitar playing a few chords, they have an incredible groove! This shows that Paul was (against his will) one of the greatest bass players ever (he sang, in the meantime) and the mistreated Ringo Starr was everything but scarce.

We talked to friends who went to see the Beatles at the Cavern Club in Liverpool at the beginning of the ‘60s, this is what we’ve been told: «If you hear people saying that there were better bands in town, forget that. When they came in, they left nothing, they were way huge better than all the others».

Imagine this: we go to a club today and the four guys onstage start to play that “Twist and Shout” that closes the LP, what reaction could we have? Because that song is exactly what the public listened to at the time, but they were there, and it’s a big difference!

Vocals

There’s back vocals almost on every track, John and Paul are in perfect harmony and George fills in, they sing like one, opening the way for performances that will remain in history forever.

We’d like to point our attention on a small detail: John’s back voice on “I Saw Her Standing There”. When they sing the title’s words together, he sings two descending notes, B and F# (he skips the A), instead of three, which would be the obvious choice to harmonize Paul, that sings three notes. It’s probably irrelevant and we don’t know if he thought about it. If he did, this shows an attention to small details (he would sing two fourth descending intervals and it probably wouldn’t sound too well) that he’d like to keep under control.

The album title track, with its two minutes, is a small jewel: the choirs are a perfect response to the chords and lead vocals crescendo, but the whole song is characterized by Ringo’ soft rolls: it goes almost unnoticed but the real leading actor is him.

(Read the rest on Laster)


Winston’s Thoughts


by Davide Canazza

The early Beatles belong to an era in which the ‘guitar hero’ wasn’t a role like it will be in the next future, with players like Eric Clapton, Jeff Beck, Jimmy Page and Jimi Hendrix.

But they are a band with the guitar, with two guitars!

Even better, they were a band with three guitars and a drummer. Paul was forced to switch to bass guitar when Stuart Sutcliffe, young painter and John’s friend, left the band to be an artist.

Harrison was the best guitar player in the band and he would have never changed instrument, Lennon was the leader and also had a brand new guitar, the Rickenbacker 325 “Capri”. Paul was the only one who had a broken guitar with only three strings, that’s why he had to play John’s old Hofner Club 40, or a piano, when he found one on stage.

McCartney also was a good guitar player, perhaps the most blues oriented of the three. But the strong and powerful sound of the band stemmed from the experienced rhythm section and from the endless live performances in Hamburg’s clubs.

Pete Best was a good drummer and his replacement with the equally valid Ringo was because of his character and his look, not because the way he played drums. Ringo was a companion, a long time friend of the other three boys. Pete was introverted, shy and quiet and did not attend John, George and Paul out of stage. In addition he was also very charming and would have ‘obscured’ the band’s front men.

Paul, finally on bass, immediately brought his experience as a guitar player on the new instrument: his way of playing the bass was innovative, he alternated melodic passages to rhythmic bass notes, but in the meantime he kept  the throbbing and powerful sound typical of beat music.

But the most interesting work of this first period was done by Lennon’s rhythm guitar, and we’ll focus on this. John learnt to play on a banjo and then he found those chords on guitar. Rarely he used the barré and used his thumb to play the bass strings, also helped by the Rickenbacker’s short scale.

The uniqueness of his sound was due, however, by the way he played with the right hand. His strumming was heavy, hard, often syncopated. Rarely he picked all the six strings, but he focused on the central ones, alternating the bass strum.

The video is a small summary of Lennon’s guitar style, both electric and acoustic, in the Merseybeat period.

Immagine anteprima YouTube

(Read the rest on Laster)

Un vecchio proverbio dice: «Il buon giorno si vede dal mattino». Mai frase fu più azzeccata.

Sarebbe facile e comodo liquidare il primo album dei Beatles, Please Please Me, con due righe buttate lì, pensando già a cosa scrivere fra qualche tempo di capolavori come Revolver o Abbey Road, ma commetteremmo un errore colossale. In questo primo, fresco, genuino lavoro, c’è già tutta l’incredibile storia futura della band.

  • Il pop cambiava forma, e “Love Me Do” ne è un esempio lampante, con le sue venature bluesy nascoste fra le pieghe di una canzone apparentemente semplice.
  • L’apertura del disco affidata al «One, Two, Three, Four!» chiamato da Paul su “I Saw Her Standing There” dice molto più di quanto sembri (la take da cui è presa è la 9, ma il brano sul disco è la take 1) e la canzone stessa è vita nuova per tutto il rock’n’roll.
  • La scelta di interpretare brani semisconosciuti del repertorio R’n’B americano è una precisa indicazione di un lavoro di ricerca fatto in anni di esibizioni live.
  • Alcuni controcanti di John hanno già una connotazione propria, che il nostro manterrà negli anni: vedremo in seguito un piccolo esempio.
  • Il chitarrismo scarno ed essenziale di George fa capolino nella traccia di apertura: l’assolo su “I Saw Her Standing There”, seppur costituito da elementi semplici, è tutto fuorché banale.
  • Il ruolo di George Martin è da subito fondamentale: “Please Please Me” nasce come ballata alla Roy Orbison, ma il produttore non crede che funzioni così lenta e fa loro aumentare la velocità fino a portarla a quella che tutti oggi conosciamo.
  • I Beatles erano ragazzi di vent’anni che parlavano alle ragazzine, lo sapevano bene e hanno utilizzato il trucco dei pronomi personali molte volte negli anni a seguire (love ME, please ME, p.s. I love YOU, I saw HER).
  • Il registrare “Twist and Shout” per ultima non fu casuale, i ragazzi sapevano bene che John, con quel brano, si sarebbe spaccato la voce, e avevano un solo giorno per finire, altro che band agli esordi!
  • George Martin voleva che il primo singolo fosse “How Do You Do It”, ma ai quattro non piaceva e non andò mai su un loro disco. Timore reverenziale verso il ‘mitico’ produttore della casa discografica ne hanno avuto poco, già dall’inizio. E quando i ragazzi hanno preso confidenza con gli studi e il personale, ad Abbey Road ne sono successe di tutti i colori.

Viene fuori che, a saper leggere fra le righe, aiutati dal mezzo secolo che ci separa da quell’esordio, chi ben comincia è a metà dell’opera. Ma andiamo per ordine.

Tutto inizia il fatidico 5 ottobre del 1962, con l’uscita del primo singolo e con la volontà dei ragazzi di suonare un brano a loro più congeniale della già citata “How Do You Do It” che Martin avrebbe preferito, ma John, Paul e gli altri dissero di avere una reputazione da difendere a Liverpool e non avevano nessuna intenzione di rovinarsela. Ecco perché la scelta cadde su un pezzo come “Love Me Do” che innanzitutto era loro, e poi aveva una vena vagamente blues che lo rendeva unico. Non possiamo dire se sia un pezzo country, pop, folk o chissà cosa, di sicuro sappiamo che era un brano particolare, con la tonalità difficile da definire: appena ci sembra di essere in Do, ecco che arriva il Re maggiore a farci capire che siamo in Sol. O forse no, poco importa. Resta il fatto che il brano è arrangiato in maniera essenziale: basso, batteria e chitarra acustica, con battito di mani e armonica di John a completare il tutto. E il ritornello è cantato da Paul proprio perché John doveva suonare l’armonica, altrimenti lo avrebbe cantato lui.

Come semplice è il retro di quel 45 giri: “P.S. I Love You” è una canzoncina senza troppe pretese, scritta bene e in maniera lineare, ma il guizzo di Paul che a 1.28 del brano anticipa «Remember that I’ll always» con  una «You know I want you to» quasi gridata, fa intuire ben altro background musicale che quello pop, a chi un minimo abbia conoscenza della musica nera e del rock’n’roll. Non sono uscite da cantante confidenziale.

Da questo punto e per un lungo anno, iniziando le considerazioni sul lavoro dei quattro, chitarristico e non, vorremmo subito fare una precisazione, una precisazione dovuta perché sappiamo che il seguito dei Beatles è quanto mai vario e attento a tutto ciò che si scrive: su queste pagine non troverete una dettagliata trascrizione delle parti suonate nota per nota e neanche una meticolosa analisi di ciò che successe; per questo ci sono libri di centinaia di pagine di spartiti o (per le note di studio) lo straordinario Otto anni ad Abbey Road di Mark Lewisohn (Arcana Editrice, Milano 1990; ed. or. The Complete Beatles Recording Sessions, Hamlyn, 1988), testi che sono dei veri tesori per tutti noi. Il nostro è un contributo di sensazioni e analisi di elementi sparsi, altrimenti invece che 12 puntate ce ne volevano 1200.


In esclusiva per Fingerpicking.net


L’analisi ‘acustica’ del lavoro chitarristico dei Fab Four qui su Fingerpicking.net sarà accompagnata da considerazioni di vario genere, visto che la band era prevalentemente elettrica, almeno nei primi anni: comincia però dalle due Gibson J160E acquistate uguali da George e John il 10 settembre 1962 e pagate da Brian Epstein, e dal fatto che sul primo singolo che abbia mai visto la luce a nome della band ci sia una chitarra acustica, e non elettrica. Poca cosa, visto che si trattava di una ritmica, ma ci piace ricordarlo.

Gli arrangiamenti

Cerchiamo di uscire dai luoghi comuni che i Beatles “non sapessero suonare”: quante volte abbiamo sentito, anche in bocca a colleghi musicisti, affermazioni del genere.

Mettiamo la puntina sul piatto e lasciamo partire “I Saw Her Standing There”: l’impatto è devastante; se si pensa che stiamo ascoltando solo basso, batteria e una chitarra che accenna gli accordi, hanno un tiro micidiale! Questo dimostra che la sezione ritmica era eccellente, McCartney è suo malgrado uno dei più grandi bassisti della storia (nel frattempo cantava) e il tanto bistrattato Ringo Starr era tutto tranne che scarso.

Abbiamo avuto la fortuna di scambiare qualche parola con chi, all’epoca, li andava a sentire al mitico Cavern Club, citiamo a memoria: «Se sentite dire che a Liverpool c’erano band migliori dei Beatles, lasciate perdere. Quando sono arrivati loro non ce n’è stato più per nessuno».

Immaginiamo oggi di trovarci in un club davanti a quattro ragazzi e che questi inizino a suonare quella “Twist and Shout” che troviamo in coda all’album: che reazione potremmo avere? Perché il brano sul disco è esattamente ciò che un loro spettatore ascoltava all’epoca, solo che lui li aveva davanti, e c’è una bella differenza!

Le voci

Ci sono cori praticamente su ogni brano, John e Paul sono in perfetta sintonia, George si incastra alla grande e cantano come se fossero uno solo, preparando la strada per esecuzioni che resteranno nella storia.

Vorremmo puntare l’attenzione su un particolare: la doppia voce di John su “I Saw Her Standing There”. Quando cantano insieme le parole del titolo, Lennon canta due note discendenti, Si e Fa#, saltando il La che sarebbe stata la scelta più ovvia per armonizzare McCartney, che invece ne canta tre. È forse insignificante e non si capisce se sia del tutto voluto: in caso positivo dimostrerebbe un’attenzione di John a particolari quasi marginali (avrebbe cantato due intervalli di quarta discendente e forse suonava male), ma tenuti sotto controllo.

La title track dell’album, con i suoi due minuti scarsi, è un piccolo gioiello: i cori sono una risposta perfetta al crescendo di accordi e di voce solista, ma tutto il pezzo è caratterizzato dal drumming portato a rullate leggère di Ringo: non ci si fa caso ma il vero protagonista è lui.

(Leggete il resto su Laster)


I Pensieri Di Winston


di Davide Canazza

I Beatles degli esordi appartengono a un’epoca di transizione chitarristica: tra loro non c’è ancora il ‘guitar hero’, figura che sarà introdotta qualche anno dopo dalla comparsa sulla scena di personaggi come Eric Clapton, Jeff Beck, Jimmy Page e Jimi Hendrix.

Ma sono un gruppo con la chitarra, anzi con due chitarre!

Meglio ancora, erano un gruppo formato da tre chitarristi e un batterista. Paul McCartney fu praticamente obbligato a passare al basso quando Stuart Sutcliffe, giovane pittore amico di John prestato al basso, abbandonò la band per dedicarsi alla carriera artistica.

Harrison era troppo bravo per cambiare strumento, Lennon era il leader e inoltre aveva una chitarra nuova di zecca, la Rickenbacker 325 “Capri” a scala corta. Non rimaneva che Paul, l’unico dei tre che aveva una chitarra tutta scassata con tre sole corde, tanto che dal vivo doveva utilizzare la vecchia Hofner Club 40 di John o suonare il piano in quei locali dove ce n’era uno.

Tuttavia anche McCartney era un bravo chitarrista, forse il più blues-oriented dei tre. Ma il sound deciso e potente della band scaturiva dall’abilissima sezione ritmica, un amalgama plasmato dalle interminabili esibizioni dal vivo nei locali di Amburgo.

Pete Best era un bravo batterista, sostituito dall’altrettanto valido Ringo più per motivi di carattere e immagine che per il modo di suonare sui tamburi. Ringo era un compagnone, amico degli altri tre da anni. Pete era introverso, schivo e taciturno e non frequentava John, George e Paul fuori dal lavoro. In più era anche molto affascinante e avrebbe ‘oscurato’ i front men della band.

Paul, una volta passato al basso, apportò fin da subito la sua esperienza di chitarrista sul nuovo strumento: il suo modo di suonare era innovativo, con passaggi melodici a rafforzare lo scarno accompagnamento ritmico del basso, che manteneva comunque quel sound pulsante e presente della musica beat.

Ma il lavoro più interessante del primo periodo è quello fatto da Lennon con la chitarra ritmica, ed è su questo che ci vogliamo soffermare. John aveva imparato gli accordi sul banjo e quindi aveva trasportato le forme sulla chitarra. Non utilizzava quasi mai il barré e adoperava il pollice per suonare i bassi, aiutato anche dalle ridotte dimensioni della tastiera della Rickenbacker.

La particolarità del suo sound veniva però dal modo di usare la mano destra. Il suo strumming era pesante, duro, spesso sincopato. Difficilmente plettrava tutte e sei le corde, ma si concentrava su quelle centrali alternando la pennata sui bassi.

Il video è un piccolo sunto dello stile di Lennon nel periodo beat sia con l’elettrica che con l’acustica.

Immagine anteprima YouTube

(leggete il resto su Laster)

...sull'Autore

Related Posts

  1. Francesco Bucci Reply

    Ogni album dei Beatles è un anello di congiunzione tra quello che c’era prima e quello che verrà dopo. Please Please Me inizia con “I saw her…” e termina con “Twist & Shout”; quest’ultima sembra prefigurare l’atmosfera di isterica eccitazione che esploderanno di lì a poco, ma è della prima che vorrei parlare.
    Trattasi di un brano originale, ma ha un’impronta smaccatamente Fifties, quasi a voler dire al mondo “guardate, noi siamo il futuro, ma siamo figli di Chuck Berry!”.
    Il testo non si nutre della dialettica tu-io dei primi singoli, ma parla di una lei adolescente (Chuck Berry smaniava per le sedicenni, qui abbiamo una ragazza di diciassette anni) descritta da un punto di vista decisamente maschile (“You know what I mean…”). Con la mente,siamo ancora in pieni anni Cinquanta: separazione tra i sessi, avventure sentimentali raccontate agli amici e via discorrendo. La voce che si impenna in un urletto estatico al momento del contatto fisico (“…and I held her hand in mi-INE”)ci ricorda che in realtà è di sesso che qui si parla; l’impressione è confermata dalla frase che segue: “We danced through the night and we held each other tight” (più chiaro di così…). Resta da capire per quale motivo, nei live, i Beatles accorciassero brutalmente questa canzone, privandola di uno dei due bridge e compromettendone in questo modo la dinamica generale.
    Quanto a Ringo, trattasi di un batterista con i controfiocchi, a cui difetta, forse un po’ di fantasia. Non si spiegano altrimenti le brillanti performance del periodo Beatles, specie se paragonate alle deludentissime ospitate live degli anni Settanta (cfr. il concerto per il Bangladesh, ma anche “The Last Waltz”, concerto d’addio della Band.
    Grazie di tutto e alla prossima

  2. Mimo Reply

    Veramente ottimo articolo che è stato un piacere trovare
    Sottolineo che conferma quelle che erano da sempre le mie impressioni sui Fab Four riguardo alla perizia professionale un po’ misconosciuta, anche da molti musicisti
    E ultimamente fa piacere vedere come anche Ringo stia passando una rivalutazione
    Ottime le considerazioni “di fino” sulle parti musicali e l’utilizzo degli strumenti

  3. maxgit Reply

    Bellissimo articolo e fantastici filmati, complimenti. risentendoli, e dalle spiegazioni anche sulla ruvidezza del suono, si riconosce il piglio rock&roll anche nelle cover di pezzi R&B/pop piuttosto dolci, come andava in quegli anni. Bravi! aspetto il prox. con curiosità…

  4. winstonoboogie Reply

    Grazie Giò! In effetti l’idea del titolo proposto da Daniele per una tua rubrica non era niente male, anzi… Ogni giorno scopro sempre nuovi aneddoti legati ai Beatles, magari anche solo ricordi personali che li coinvolgono indirettamente.

    Per esempio il compaesano di mia mamma che andò a Genova in autostop e riuscì a entrare al concerto di Fab Four senza pagare. Oppure il mio vicino di casa che fu coinvolto da un amico quasi per caso e può oggi remunerarsi tra i pochi ad avere visto i Beatles dal vivo in Italia.

    La canzone Please Please me colpì anche me la prima volta che la sentii alla radio, anche se erano passati molti anni dalla sua uscita.

    Secondo me oggi si possono suonare dal vivo tutte le canzoni dei Beatles, sia rieseguendole nota per nota, sia proponendo arrangiamenti originali, e sia te che io ne sappiamo qualcosa 😉

    Rispondo anche a Stefano. Io oggi sono per aggiungere un po’ di modernità alle loro canzoni, trovo assurdo cercare strumenti e suoni uguali in tutto e per tutto all’originale su disco. Trovo invece meraviglioso il lavoro fatto oggi da McCartney che riesce a mantenere il feeling di allora con le sonorità di oggi, tanto che considero lui e il suo gruppo la miglior Beatles tribute band al mondo.

    Il mio è un piccolo contributo, spero di non dire cavolate. Chiaramente lo stile chitarristico che analizzo si riferisce al periodo proposto da ciascun articolo. Qua si parla dello stile di Lennon nel 1962-63, i video live che si possono trovare, oggi in quantità abbondanti, su youtube confermano quanto scritto nell’articolo.

    Ciao
    Davide

  5. Giovanni Pelosi Reply

    Dunque…intanto, bravissimi Daniele e Davide! Devo dire che, nonostante l’invito di Daniele a partecipare con una rubrica, di cui aveva anche suggerito il titolo: “I Beatles: io c’ero, e non dormivo!”, ho rimuginato inutilmente nei giorni scorsi, ed ho concluso quanto segue: all’epoca io c’ero ma, almeno per i primi dischi, ero un po’ piccoletto.
    Please Please Me è uscita che avevo dieci anni e mezzo. Abitavo a Macerata per motivi di lavoro di mio padre e, benchè ogni tanto cincischiassi con la Eko semiacustica di mio fratello, non potrei dire che già suonavo.
    In realtà, il 45 giri di Please Please Me, lato B P.S. I Love You, l’ho avuto in casa nel 1964, quando abitavo a Ferentino, già possedevo la Framus classica “nobilitata” (e sfiancata) dalle corde di metallo. La sequenza di accordi era accessibile, ed era totalmente nuova per me, la cosa che mi colpì di più fu il coro, con quella tonica ostinata che veniva tenuta a fare da bordone.
    A quei tempi non conoscevo personalmente nessuno che possedesse un LP, anche se vidi un LP di Duane Eddy in casa mia, prestato a mio fratello da un amioo. Lì imparai qualche altra cosetta;-))

  6. stefano SALVEMINI Reply

    articolo interessantissimo.Sono un chitarrista /bassista e ho suonato per anni in un gruppo di cover dei Beatles con repertorio fino al 65 (l’unico eseguibile dal vivo) con strumenti il più possibile simili ai loro (gretsch duo jet,Rick 330-325 Gibson J160,Basso Rick 4001 e ampli VOX e Fender Deluxe Blackface).Unica osservazione:per quello che ho visto nei pochi e frammentari filmati d’epoca,John usava molto gli accordi con barre,anche al decimo tasto,proprio perchè favorito dal particolare manico della sua Rick

Lascia il tuo commento

*

Captcha * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.