Tommy Emmanuel a Roma: onstage & backstage

If you are lucky enough to be backstage during one of Tommy Emmanuel’s concerts, you feel the need to do one thing above all else – share it with others. And that’s exactly what we’re going to do. We’re going to write something about his new album and tell you briefly some of the snippets he shared with us before his show at Teatro Tendastrisce in Rome. Although we had seen him live several times, this time was new to us too, because for once he wasn’t alone onstage, but accompanied by a band of Australian musicians.

The Backstage

Daniele Bazzani with Tommy Emmanuel in the backstage (photo by Simone Cecchetti)

Tommy interrupted his supper he still had to finish in order to take us on to the stage. He wanted to show us the instruments he was going to use during the concert. He knows we’re quite accustomed to seeing him with only one guitar – two at most. As we came into the empty auditorium we immediately saw the beautiful stage of Rome’s Tendastrisce packed full of instruments. There were keyboards, two placements prepared for guitarists (Tommy and skilled Simon Hosford), a bass guitar and drums.
Climbing up the stairs that led to the stage, we bumped into the rack with all of Tommy’s acoustic and electric guitars, as well as the bench for his personal technician, who is ever ready to pass him the guitar he’ll use for his next piece, tuned and ready. There’ll be a lot of changes of instruments tonight.
The first he picked up was his trusted 1966 Fender Telecaster, rather worn in terms of its finish, equipped with three active Bartolini pickups, that were also to be found on his other Telecaster, a blue 1993 Custom Shop that was made especially for him. The third guitar was a new electric Maton, a semi-acoustic with an amazing sound that he might use later on. The guitars pass through a pedalboard with a Lehle switch, to move from the amplifiers for electric guitars to the small AER, that he uses for the acoustic guitar. The tube amplifiers are a Fender Blues De Ville Hot Rod and a Fender The Twin, but only the Hot Rod is microphoned.
We apologize if some of the information is incomplete, but the trip around was very quick and only possible thanks to Tommy’s kindness. It wasn’t a formal interview and there wasn’t time to ask everything we would have liked to.
There were two overdrives in the pedalboard: one was the famous Boss yellow pedal, the Super Overdrive, the other was a Nobles Distortion. Tommy used them individually, with little gain, and sometimes simultaneously, when he wanted a longer and compressed sound. Anyways, amazing sound! He also had switches with preset sounds on a small rack that he kept behind him: he used a Chorus, a Delay and a very brief Slap Back Delay, that he could insert as he wanted. His tuner was a Polytune from TC Electronics. The rest concerned the acoustics: as usual, they were all Australian Matons. There was a really beautiful new EBG808, that has his name, and one that looked like a Jumbo, but it was still in the rack and we didn’t have the time to see it properly, it was dark.
Not much time to understand, but a lot of time to enjoy: Tommy played only for us a splendid solo version of  “Moon River” with his electric Maton, and delighted us with a brief medley of songs that Chet Atkins used to play, included a beautiful version of  “Chaplin in New Shoes”, in order to demonstrate the versatility of his guitar, that he managed to use to evoke the sound of the late lamented guitarist from Luttrell, Tennessee. But we had to get back to the dressing-rooms, because time was pressing.
Two words with the other guitarist, Simon Holford, led us to understand his setup: two small Fender Blues De Luxe from the Hot Rod series, that he uses in stereo, with an Eventide that creates a constant delay of 20 milliseconds to lengthen the sound even further. Another Eventide is used for the delay on the solos, and the two distortion pedals are Suhr Riot and Wampler Plextortion, while the chorus is by Voodoo Lab.

The Concert

Tommy Emmanuel with the 1966 Telecaster (photo by Simone Cecchetti)

The beginning is as stunning as ever: applauded by his public, Tommy enters armed only with his six-string acoustic and begins with “The Tall Fiddler”, a piece which he has used for some time as an opening for his shows. Many pieces follow including a medley of songs by Merle Travis (“Nine Pound Hammer”, “Saturday Night Shuffle”, “Sixteen Tons”) and one of pieces by the Beatles, ranging from “Here Comes the Sun” to the famous dual-named “Day Tripper/Lady Madonna”.
The public is in raptures and the evening continues with the band coming on stage. At first the four of them play only egg shakers and sing with Tommy, but from the next piece the music changes. The band (made up of Robbie Little on bass, Kevin Murphy on drums, afore-mentioned Simon Hosford on guitar and Ashley Crick on keyboard) has a great throw in. Hosford alternated between acoustic and electric, he’s really good indeed, and the bass player also has an electric double bass that he uses for some pieces. What is obvious is that Tommy is enjoying himself like crazy: after years and thousands of concerts alone, you can feel the need he had to share the stage. Besides, his career began like that – all of his first albums were electric. The concert continues in the same vein and the encore is played acoustically, as we could have imagined and for the joy of everyone present. We can’t hide the fact it’s difficult to improve something that’s practically perfect. Tommy offers indescribable emotions when alone on stage, and the presence of other musicians almost seems to ‘mask’ his grandeur instead of making it shine, but if he’s happy with that, then so are we!

The Album

Little By Little is a new, splendid double CD by the Australian guitarist. Over his long career he has published eight electric albums and three acoustic ones, as well as several live albums, collections, teaching DVDs and others. In this album he’s not alone, but with a band that accompanies him in several sections – all musicians from Nashville, the city where Tommy has lived for several years now when he’s not on tour; among others, the great Victor Wooten is on the bass. What is striking, the first time you listen to this album, is the ease with which his music and his style emerge insistently throughout – a characteristic typical of great musicians. The opening track “Halfway Home” is very moving, as is “The Jolly Swagman”, “Locomotivation” and “Welsh Tornado”, dedicated to the talented young Welsh Gareth Pearson. The work is very varied: there are some pieces that he has played for years in concerts, but here they are re-visited and re-arranged with the band – these include “Guitar Boogie”, in which he creates a stupendous duet with Victor Wooten’s bass; and there are instrumental pieces played with outstanding guitarists such as John Knowles and Doyle Dykes, or songs sung by other friends such as Pam Rose and Rick Price. All of this results in an all-over varied but homogeneous whole, that is pleasant listening even if spread over two CDs. Needless to say, the most intense moments are those where Tommy, in his splendid solitude, makes us a gift of his music.
The notes inside the album cover are an interesting reading too: they explain the different guitars used for the individual pieces. They range from his trusted Matons – including his travelling companion that’s battered from years on the road – to his old 1934 Gibson Kalamazoo, from a Larrivée to a Martin D-28, from a Wayne Henderson dreadnought to a Gretsch Synchromatic and finally a Martin 00-17 from 1940. There’s one for everyone’s taste.
It’s a kind of compendium of many years’ work, as if it was a rounding of the mark. His inclusion of many styles, pieces and added instruments broaden his scene widely. We’re waiting to see what the future holds for this incredible musician, hoping he knows how to carry on giving us these moments of great music and performance to treasure.

Daniele Bazzani

This article is in Chitarra Acustica, n. 2, May 2011, pp. 30-31.

Se si ha la fortuna di trovarsi nel backstage di un concerto di Tommy Emmanuel, si vuole fare una cosa prima di tutto: condividerla con altri. Ed è proprio quello che faremo. Scriveremo qualcosa sul nuovo album e racconteremo brevemente le piccole cose che ci ha raccontato prima dello show al Teatro Tendastrisce di Roma, concerto nuovo per noi che lo abbiamo già visto tante volte, perché oggi non è da solo sul palco, ma accompagnato da una band di musicisti australiani.

Il backstage

Daniele Bazzani con Tommy Emmanuel nel backstage (foto di Simone Cecchetti)

Tommy ci accompagna sul palco interrompendo la cena che deve ancora finire, vuole mostrarci gli strumenti che utilizzerà in concerto. Sa bene che siamo abituati a vederlo con una sola chitarra, massimo due. Entrando a sala vuota avevamo già visto il bel palco del Tendastrisce di Roma pieno di strumenti: tastiere, due postazioni per i chitarristi, Tommy e il bravo Simon Hosford, batteria e basso.
Salendo le scale che portano al palco troviamo la rastrelliera con le acustiche ed elettriche di Tommy, e il banco del suo tecnico personale, sempre pronto a passargli la chitarra che userà sul brano successivo, accordata e pronta: ci saranno molti passaggi di strumenti.
La prima che prende è la sua fida Fender Telecaster del 1966, piuttosto rovinata in quanto a finitura, equipaggiata con tre pickup Bartolini attivi, gli stessi che troveremo sull’altra Telecaster, una Custom Shop blu del 1993 costruita per lui. La terza è una nuova Maton elettrica, una semiacustica dallo splendido suono che forse utilizzerà più avanti. Le chitarre passano da una pedaliera con uno switch Lehle per passare dagli amplificatori per elettriche al piccolo AER, che usa per l’acustica. I valvolari sono un Fender Blues De Ville Hot Rod e un Fender The Twin, ma solo l’Hot Rod è microfonato.
Ci scusiamo se alcune informazioni sono incomplete, ma il giro è stato velocissimo ed è stato possibile solo grazie alla cortesia di Tommy. Non è una vera intervista e non c’è stato il tempo di chiedere tutto quello che avremmo voluto.
Nella pedaliera ci sono due overdrive: uno è il celebre pedale giallo della Boss, il Super Overdrive, l’altro è un Nobles Distortion. Tommy li usa singolarmente, con poco gain, e a volte insieme, quando vuole un suono più lungo e compresso. Splendidi suoni, comunque. Ha anche degli switch con suoni preimpostati su un piccolo rack che tiene alle sue spalle: utilizza un Chorus, un Delay, uno Slap Back Delay molto breve, e può inserirli a suo piacimento. L’accordatore è il Polytune della TC Electronics. Il resto riguarda le acustiche: come al solito sono tutte australiane Maton. C’è una nuova EBG808 che porta il suo nome, molto bella, e una che sembra una Jumbo, ma è nella rastrelliera e non abbiamo il tempo di vederla, siamo al buio.
Poco tempo per capire, ma molto per godere: Tommy suona solo per noi una splendida versione solista di “Moon River” con la Maton elettrica, e ci delizia con un breve medley di canzoni che suonava Chet Atkins, fra cui la bella “Chaplin in New Shoes”, per dimostrare la versatilità di questa chitarra, con cui riesce a tirar fuori il suono del compianto chitarrista di Luttrell, Tennessee. Ma dobbiamo tornare ai camerini, perché il tempo stringe.
Due parole con l’altro chitarrista, Simon Holford, ci portano a conoscenza del suo setup: due piccoli Fender Blues De Luxe della serie Hot Rod che usa stereo, con un Eventide che crea un ritardo costante di 20 millisecondi per allargare ulteriormente il suono. Un altro Eventide è utilizzato per i delay sugli assoli, e i due distorsori sono un Suhr Riot e un Wampler Plextortion, mentre il chorus è della Voodoo Lab.

Il concerto

Tommy Emmanuel con la Telecaster del 1966 (foto di Simone Cecchetti)

L’inizio è come al solito folgorante: Tommy, acclamato dal pubblico, entra armato della sola sei corde acustica e attacca con “The Tall Fiddler”, brano che ormai da tempo usa per aprire i suoi spettacoli. A seguire molti pezzi fra cui un medley di canzoni di Merle Travis (“Nine Pound Hammer”, “Saturday Night Shuffle”, “Sixteen Tons”) e uno di pezzi dei Beatles: si va da “Here Comes the Sun” all’ormai celebre binomio “Day Tripper/Lady Madonna”.
Il pubblico è in visibilio e la serie prosegue con la band che sale sul palco. Inizialmente i quattro suonano solo degli ovetti/shaker e cantano con Tommy, ma dal brano successivo la musica cambia. La band, formata da Robbie Little al basso, Kevin Murphy alla batteria, il già citato Simon Hosford alle chitarre e Ashley Crick alle tastiere, ha un gran tiro. Hosford si alterna fra acustica ed elettrica, è davvero molto bravo, e il bassista ha anche un contrabbasso elettrico che usa su alcuni brani. Quello che notiamo è che Tommy si diverte come un matto: dopo anni e migliaia di concerti da solo si percepisce la necessità che ha di condividere il palco. Del resto la sua carriera è cominciata così: tutti i suoi primi album erano elettrici. Il concerto prosegue su questa falsariga e il bis è suonato ancora acustico, come potevamo immaginare e per la gioia dei presenti. Non possiamo nascondere che è difficile migliorare qualcosa di praticamente perfetto: Tommy da solo sul palco regala emozioni indescrivibili, la presenza di altri musicisti sembra quasi ‘nascondere’ la sua grandezza anziché valorizzarla, ma se a lui sta bene così, va bene anche a noi.

Il disco

Little by Little è il nuovo, splendido doppio lavoro del chitarrista australiano. Nella sua lunga carriera ha pubblicato otto album elettrici e tre acustici, più diversi live, raccolte, DVD didattici e non. Qui non è da solo ma ha una band che lo accompagna in diversi momenti, tutti musicisti di Nashville, città in cui Tommy vive ormai da qualche anno quando non è in tour; fra gli altri, troviamo il grande Victor Wooten al basso. Quello che colpisce al primo ascolto è la facilità con cui la sua musica e il suo stile emergono ormai prepotentemente in ogni occasione, caratteristica questa dei grandi musicisti. Molto bella la traccia di apertura “Halfway Home”, come “The Jolly Swagman”, “Locomotivation” e “Welsh Tornado”, dedicata al giovane talento gallese Gareth Pearson. Il lavoro è molto vario: troviamo brani che suona da tempo in concerto, ma rivisti e arrangiati con la band, come “Guitar Boogie”, che lo vede duettare in maniera strepitosa con il basso di Victor Wooten; ci sono strumentali suonati con grandi chitarristi come John Knowles e Doyle Dykes, e canzoni cantate da altri amici come Pam Rose e Rick Price. Il tutto risulta in un insieme complessivamente vario e omogeneo, gradevole da ascoltare nonostante i due CD. Inutile dire che i momenti più intensi sono quelli in cui Tommy, in splendida solitudine, ci regala la sua musica.
Interessante anche leggere le note interne, nelle quali sono riportate le varie chitarre usate sui singoli brani: si va dalle fedeli Maton – inclusa la piccola compagna di viaggio ormai distrutta da anni di vita ‘on the road’ – alla vecchia Gibson Kalamazoo del 1934, da una Larrivée a una Martin D-28, da una dreadnought Wayne Henderson a una Gretsch Synchromatic fino a una Martin 00-17 del 1940. Ce n’è per tutti i gusti.
È una sorta di compendio di molti anni di lavoro, come se fosse un giro di boa. L’inclusione dei molti stili, brani e strumenti aggiuntivi allarga di molto lo scenario. Vedremo cosa il futuro riserverà a questo incredibile musicista, sperando sappia regalarci ancora momenti di grande musica e performance da ricordare.

Daniele Bazzani

Questo articolo è in Chitarra Acustica, n. 2, maggio 2011, pp. 30-31.

...sull'Autore

Related Posts

  1. tonello65 Reply

    Innanzitutto complimenti per l’emozionante articolo.
    Ho visto per la prima volta dal vivo Emmanuel a Padova lo scorso marzo e devo concordare con lei che, nonostante sia accompagnato da ottimi musicisti, i momenti corali, secondo me, sono stati sottotono rispetto alle sue esibizioni soliste, erano soprattutto momenti di attesa… intermezzi non sgraditi, ma comunque passaggi obbligati per ascoltare il mito esibirsi da solo con la sua vecchia Maton, raggiungendo livelli sublimi a cui ormai questo straordinario artista ci ha abituato da tempo.
    Antonino Palella

  2. on-off Reply

    ricordo molto bene la sensazione che ho provato all’uscita di uno dei suoi ultimi concerti… una voglia pazza di suonare…
    quello che mi colpisce sempre di questo fantastico uomo è il suo spirito…

  3. lawrenceflower Reply

    Bell’articolo Daniele!
    Descrive benissimo quei momenti, quegli attimi, quei secondi, così preziosi.
    Non dimenticherò mai quel giorno e quel concerto!
    Spero ci rincontreremo un giorno. 🙂

    Un abbraccio
    Lorenzo Fiorentini

Lascia il tuo commento

*

Captcha * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.