Tecniche contemporanee: esercizio base per la tecnica del tapping

La produzione del suono sulla chitarra acustica avviene attraverso molteplici e sempre più originali tecniche. Aggiornarsi non è facile e spesso sono proprio i miei allievi ad aiutarmi, suggerendomi la visione (eh sì, oggi la musica si vede cari amici ultra quarantenni!) dell’ultimo “incredibile” chitarrista presente in rete. Intendiamoci, tutto questo credo faccia solo bene all’evoluzione tecnico-stilistica della chitarra e allo stimolo creativo, ma le tecniche non devono diventare, come più volte affermato, solo un pretesto per stupire.
Alcune tecniche le ho trovate comunque davvero preziose: il tapping, per esempio, mi ha aiutato nell’adattamento di un brano tradizionale irlandese (MORRISON’S JIG presente nel libro Creative Fingerstyle Guitar ed Carisch) rendendo una parte melodica, per me ostica, molto più scorrevole.
Mi risulta che il primo chitarrista italiano che ha approfondito e sviluppato le tecniche definite “contemporanee” sia stato Paolo Giordano a partire dai lontani anni ‘80 (lodato tra l’altro anche da Lucio Dalla durante il tour Cambio a cui partecipò nel 1991). Vi propongo come esercitazione proprio uno studio composto dall’amico Paolo che introduce la tecnica del tapping (le note eseguite con questa tecnica sono indicate sullo spartito con la lettera T), l’ accordatura è quella standard.
Proviamo a trasportare l’esercizio in più tonalità, cercando di visualizzare di volta in volta le “target note” (così vengono definite da Paolo le note bersaglio suonate in tapping).
Buon lavoro e un grazie a Paolo Giordano per la collaborazione.

Esercizio-Blues-1

...sull'Autore

Lascia il tuo commento

*

Captcha * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.