Interludio per “In My Life”

Hi everybody!

I hope the Winter was a past memory and It’s time to start enjoying Spring! Winter in Chicago this year was very long and cold and I’m glad it’s over.

I mentioned in my last blog that I would be presenting another piece that would bring a new challenge and maybe thinking to your playing.

I think most people my age… 51 on March 14th… need only one or two measures to recognize where this piece of music comes from.  It is the famous piano interlude written and played by Beatles producer George Martin in the famous John Lennon song.  This is one of the first things I ever arranged on the guitar and still may be one of my best efforts.  This has become a favorite in class through the years and is really a study on the economy of motion for the left and right hand.  It will help you to play the guitar without looking, and also might help you to start thinking about dynamics in your playing.
   What most student guitarists have learned so far is that back and forth alternating bass line done with the right hand thumb.  We touched on the fact that we don’t need so much movement in the bass line with the Eighth of January  (session 6), where the bass line is alternating on the first and third beat.  This gives the melody a little more breathing room and in a sense makes the guitar do the work instead of your thumb.  In these 8 short measures you’ll notice the bass line to be even more sparse.  The bass line is playing what is known as “pedal” notes.  A pedal note is a bass note that sustains throughout the entire measure and supports the melody.  You’ll notice long lines coming off the bass notes and sustaining throughout the measure.   Make it a rule to just play the bass notes with your right hand thumb and all other notes with your index and middle finger.  After the bass line and its fingering is understood, look at the melody line. 
   The melody is relatively easy except for the 4th string 4th fret (F#) going to the 3rd string first fret (G#) on line one 3rd measure.  One of my favorite passages happens on the first and second measure of line 2.  Put your left hand in the D major 7 position (D chord with the triangle symbol).  Keep your hand in that position until the last note of that measure.  Then simply lower your middle finger (2) 1/2 step to the 6th fret and slide back up to the 7th fret.  At that point, make the d- position as diagramed.  Do this 100 times or so……  Then go on to pinch the 5th, 3rd, and 2nd strings of the d- as shown in the tab.  Drag, or brush your right hand index finger across the 1st, 2nd and 3rd strings as a triplet.  What you’re about to do is called a delayed pull off.  After the triplet is done you pull off the second string to the open position and the left hand index finger used for that pull off moves over to the 4th string 6th fret to finish the phrase.   In class I make everybody repeat this 1st and 2nd measure over and over as a loop until they get it. Notice the half capo (bar) on the 2nd fret for the A chord on line one first and third measure.  After getting these eight measures under your fingers, try closing your eyes and letting the melody dictate to your hands. This is a very regal piece of music and should be played with a Baroque feel.

I have also taken the time to present two Italian pieces that will be on my next solo recording. I hope you enjoy them as much as I enjoyed arranging and playing them.

The first one is a traditional piece called “Furlana Pironda”.  It’s in a very strange open C tuning. C,G,E,G,C,E that I think this tuning really captures the light hearted feeling of the tune.

The second Italian piece has no name, but is known as a famous waltz “Valzer” by the Italian composer Aristeo Carpi. It’s in standard tuning and I love to play it!

Both pieces are quite challenging but well worth the effort.

I hope you all enjoy my entries for the Fingerpicking.net website. Please write to me with any comments or questions you might have. I’m looking forward to seeing you at the festival of Ferentino Acustica in June.

Keep picking.

Eric Lugosch

Interlude for In My Life (TAB – PDF)

      Furlana Pironda (MP3)

Ciao a tutti!
Spero che l’inverno sia un lontano ricordo, è ora di cominciare a godersi la primavera! L’inverno a Chicago è stato molto lungo e freddo, e sono contento che sia finito.
Nel mio ultimo intervento accennavo che avrei presentato un altro pezzo che sarà una sfida al vostro modo di suonare e pensare.
Io penso che alla maggior parte delle persone della mia età – 51 il 14 Marzo – bastino una o due battute per riconoscere questo brano musicale. È’ il famoso interludio pianistico scritto e suonato da George Martin nella famosa canzone di John Lennon.
Questa è una delle prime cose che io abbia mai arrangiato sulla chitarra, e può darsi che tuttora sia uno dei miei lavori migliori. È diventato uno dei preferiti nella mia scuola attraverso gli anni, ed è in realtà uno studio sulla economia dei movimenti della mano destra e della mano sinistra. Vi aiuterà a suonare la chitarra senza guardare, e potrebbe anche aiutarvi a cominciare a pensare alla dinamica del vostro suonare.
Quello che ha imparato la maggior parte degli studenti fino a questo punto è la cadenza del basso alternato, fatto col movimento del pollice. Noi abbiamo constatato che non è necessario un gran movimento di bassi alternati in “Eighth of January” , dove la linea dei bassi si alterna sul primo e terzo quarto.
Questo dà alla melodia un’aria di maggior respiro, ed in un certo senso lascia lavorare la chitarra al posto del vostro pollice. In queste otto brevi battute noterete che la linea dei bassi è ancora più minimale. Si suonano i bassi come bordoni. Un bordone – o pedale – è una nota bassa che dura l’intera battuta e supporta la melodia.
Noterete delle lunghe note basse, che risuonano per tutta la battuta. Di norma, suonate le note basse con il pollice della mano destra, e tutte le altre note con l’indice ed il medio. Una volta capita la linea dei bassi e la sua diteggiatura, guardate la linea melodica.
La melodia è relativamente facile, tranne sulla quarta corda al IV tasto (Fa#) seguita dalla terza corda al I tasto (Sol#) sulla terza battuta del primo rigo.
Uno dei miei passaggi preferiti è sulla prima e la seconda battuta del secondo rigo.
Mettete la vostra mano sinistra nella posizione di REmaj7 (accordo di RE con il triangolino). Mantenete quella posizione fino all’ultima nota di quella battuta.
Poi retrocedete il dito medio (2) di mezzo tono al VI tasto, per poi risalire scivolando di nuovo al VII tasto. A questo punto prendere la posizione di REm come nel diagramma. Fatelo un centinaio di volte …
Quindi diteggiate come nella TAB il REm sulla 5a, 3a e 2a corda. Trascinate (spazzolate) il vostro indice destro sulla 1a, 2a e 3a corda nel tempo di una terzina.
Quello che seguirà è chiamato un legato discendente ritardato. Suonata la terzina, fate un pull off (legato discendente) con l’indice sinistro sulla corda a vuoto per poi suonare, sempre con l’indice sinistro, la 4a corda al VI tasto così da finire il fraseggio.
Quando insegno faccio ripetere questa 1a e 2a battuta come un loop fino alla perfezione.
Notate il barré parziale al II tasto per l’accordo di LA sul prima rigo, alla prima e terza battuta.
Dopo aver appreso queste 8 battute, chiudendo gli occhi, fate pilotare le vostre dita dalla melodia. Questo è un brano regale ed andrebbe suonato con sapore barocco.
Mi sono inoltre dedicato a due brani italiani, saranno tra le mie prossime registrazioni e spero vi divertirete a suonarli almeno quanto io ad averli arrangiati.
Il primo è un tradizionale chiamato “Furlana Pironda” ed è in una strana accordatura aperta di Do (Do Sol Mi Sol Do Mi).
Accordatura adatta allo spirito sbarazzino del brano.
Il secondo brano italiano non ha nome, ma è conosciuto come il “Valzer” del noto compositore italiano Aristeo Carpi. È in accordatura standard e mi diverto a suonarlo.
Ambedue i brani sono impegnativi ma vale la pena fare lo sforzo.
Spero apprezziate questo mio iniziale contributo a Fingerpicking.net e vi invito a scrivermi per qualsiasi vostro dubbio.
Spero di vedervi al festival di Ferentino Acustica, a giugno.
Keep picking, Eric Lugosch

Interlude for In My Life (TAB – PDF)

      Furlana Pironda (MP3)

...sull'Autore

Related Posts

Lascia il tuo commento

*

Captcha * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.