Godin Inuk Encore Steel SG

La voglia di sperimentare o forse semplicemente l’aspetto ludico legato al fatto di suonare uno strumento nuovo spingono alla ricerca di qualcosa di particolarmente interessante;  è spesso comune l’interesse che provocano ‘certi piccoli’ strumenti a corda, presenti sul mercato, che più di una volta hanno tentato il mio portafoglio nel visitare qualche fiera o qualche esposizione. Fortunatamente per le mie finanze, è altrettanto frequente che dopo un primo entusiastico approccio, la reale difficoltà rappresentata dal doversi confrontare con un differente numero di corde e con una improbabile accordatura, spinga ad ‘abbandonare l’impresa’ e a lasciare il nuovo piccolo amico (o amica) dove l’ho trovato: questo tipo di adozioni non sono mai cosa semplice.  Quando però si hanno per le mani strumenti con lo stesso numero di corde o che sfruttano gli stessi intervalli di accordatura della nostra chitarra, l’approccio si semplifica enormemente: ecco qualcosa che potrebbe presto entrare a far parte del mio arsenale e che ho recentemente provato, con grande piacere, nello svolgere l’ormai dichiarato mio ‘sporco lavoro’!

inuk-1

Il Godin Inuk Encore Steel  è uno strumento elettro-acustico  dotato di  11 corde in acciaio. In realtà parliamo di sei coppie di corde, tranne l’undicesima (praticamente la sesta ed ultima!), che se ne sta da sola al suo posto. Ogni coppia di corde è formata da due corde identiche,  una grande differenza rispetto per esempio a una tradizionale dodici corde, capace di produrre infatti anche una sonorità completamente diversa e della quale parleremo più avanti.
Il Godin Inuk Encore è uno strumento ispirato al Godin Multi Oud, una specie di Oud elettrico che, a differenza del nostro, utilizza una tastiera fretlees e monta corde in nylon;  l’Inuk si pone a metà strada tra un tradizionale Oud Turco e una chitarra, della quale mantiene la stessa accordatura (E,A,D,G,B,E) malgrado il diapason differente. Lo strumento è arrivato nella sua bella custodia imbottita in dotazione, robusta e aggressiva col suo piglio vagamente militare: colore, cerniere robuste e grandi tasche porta accessori, forte! Il corpo è realizzato in Canadian Laurentian Basswood, un solid body nel quale sono state ricavate delle camere tonali per aumentarne la resa acustica.

inuk-2

(di Dario Fornara) – La tavola armonica è in cedro solido, dalla finitura satinata sunburst. La buca è rappresentata da una serie di fori (che ricordano in qualche modo i pannelli di controllo proprio di alcuni strumenti Godin!) mentre il ponticello in palissandro, di disegno originale e bello, ospita delle corde allacciate (.010), senza pallino, che poggiano su una selletta in TUSQ compensata. Il manico, dal profilo tondeggiante, è realizzato in mogano, il profilo è piuttosto schiacciato, monta una tastiera in palissandro praticamente piatta con raggio da 24” e ospita 16 piccoli tastini perfettamente montati e rifiniti. La paletta dal disegno originale non passa di certo inosservata, sia per il design che per l’imponente schieramento di meccaniche, di costruzione originale e dal funzionamento impeccabile. Il nut ha una larghezza di 40.64 mm mentre al ponte l’interasse tra i cantini ed il basso misura 85 mm. Queste misure unitamente al diapason da  585 mm rendono l’insieme particolarmente ‘trapezioidale’ e le dita faticheranno un pochino ad adattarsi all’andamento ‘a ventaglio’  delle corde. L’ampia spaziatura al ponte facilità però l’utilizzo dello strumento in ambito solistico, con le dita ma anche con il plettro che non inciampa continuamente tra le corde come capita su altri strumenti.

inuk-3

Il volume acustico è di tutto rispetto e la sonorità veramente unica, ricordando per certi aspetti quello di una mandola, ma  con  possibilità realmente infinite, soprattutto per quanto riguarda l’accordatura, potendo scendere sorprendentemente in basso quanto in alto. Il sistema di amplificazione montato è il Godin Custom voiced EPM Quantum 1T, con controllo del volume e dei toni alti e bassi. Un piccolo (e scomodo) pulsante aziona un’accordatore incorporato che funziona in modo assolutamente preciso, malgrado la quantità di risonanze generate dallo strumento. Il suono amplificato è spettacolare… e potrei fermarmi qui. Se poi si ha la pazienza di ‘vestirlo’ con un buon riverbero allora tutto prende una piega incredibilmente seria, ed è facile venire trasportati in luoghi molto piu lontani ed esotici. L’Inuk Encore Steel è uno strumento da esplorare e, malgrado la mia completa inadeguatezza nell’approcciarmi a lui, emergono chiare le possibilità che offre, al di là del puro divertimento, una bella sfida e uno stimolo che potrebbero essere per molti un buon punto di partenza per rinnovare la propria musica, con nuovi suoni e nuove idee. Il prezzo è in linea con la qualità della realizzazione, impeccabile e professionale.
Se riuscite a trovarne uno fateci un giro sopra, a costo di pagare il biglietto!

dario fornara

www.dariofornara.it

dariofornara1@alice.it

Tipo: Strumento elettoacustico a 11 corde, corpo solid body con camere tonali.
Modello:  GODIN Godin Inuk Encore Steel SG
Origine: Canada
Distributore: Music Gallery s.r.l. Tel 02 9390 9372 – 02 9390 9657 – Fax 02 9366 3111  www.musicgallery.it
Prezzo: Euro  1049.00  IVA compresa.
Top:  cedro massello.
Fasce e fondo: Canadian Laurentian Basswood, unico blocco con camere tonali.
Manico: avvitato in mogano.
Tastiera: palissandro.
Ponte: palissandro.
Amplificazione:   Godin Custom voiced EPM Quantum 1T.
Cutaway: si
Meccaniche: originali.
Larghezza al capotasto: 40.60 mm,
Scala: 585 mm
Tasti: 16
Colore: sunburst.
Custodia: morbida imbottita in dotazione.
Pro: costruzione, sistema di amplificazione, strumento originale.
Contro: niente da segnalare.

PUBBLICATO
Chitarra Acustica, 10/2013

...sull'Autore
Redazione

Related Posts

Lascia il tuo commento

*

Captcha * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.