Fulvio Montauti, “I modi nella musica moderna” (Fingerpicking.net)

montauti_cover

(di Domenico Lobuono) – Il libro di Montauti, dedicato a uno dei temi centrali della musica occidentale, e cioè le scale e i modi, si differenzia rispetto ad analoghe e numerose altre pubblicazioni presenti sul mercato per la sua visione di insieme e l’approccio storico, che consente al lettore di avere un panorama completo e coerente della materia.  A partire dalla musica modale greca fino al cosiddetto jazz modale degli anni ’50, il libro analizza con la non comune dote della chiarezza, unita alla sintesi, il concetto di modo, il significato che esso ha assunto nelle diverse epoche e l’utilizzo che ne è stato fatto.

L’argomento è meno semplice di quanto comunemente si pensi e su di esso sono state compiute analisi molto penetranti (in particolare il fondamentale testo di Bernhard Meier, Die Tonarten der klassischen Vocalpolyphonie, 1974) che hanno portato qualcuno addirittura a dubitare dell’utilità stessa del concetto di modo. Ma Montauti riesce a centrare l’essenza dei problemi di ciascuna epoca, dando tra l’altro di volta in volta brevi ma significativi cenni storici che consentono una migliore comprensione.

Il libro si apre con una sintetica carrellata storica che, dall’epoca greca fino ai giorni nostri, illustra l’evoluzione della musica occidentale. Il secondo capitolo è interamente dedicato al jazz modale, che viene esaminato in dettaglio con particolare attenzione alla cosiddetta chord-scale theory. Seguono poi quattro capitoli dedicati rispettivamente ai sette modi tradizionali e ai modi della scala minore armonica e melodica. I modi vengono analizzati e vengono fornite anche le relative diteggiature per chitarra.

Vi è poi un capitolo – probabilmente la parte più interessante, anche perché l’argomento è il meno facile da trovare in altre pubblicazioni – dedicato interamente a The Lydian Chromatic Concept of Tonal Organization di George Russel (1953), celebre autore fondatore della teoria jazz. La sua visione, non sempre chiara a tutti e non sempre di facile comprensione, viene qui spiegata in dettaglio in maniera molto chiara. Considerata la penuria di pubblicazioni esaustive sull’argomento (e anche il costo elevato del testo originale di Russel) questa esposizione della teoria russelliana è da considerarsi sicuramente encomiabile, e già solo per essa il libro di Montauti meriterebbe di essere acquistato.

Dopo una serie di esempi musicali e tavole sinottiche molto utili, il libro si chiude con una nutrita bibliografia e discografia, guide preziose per chi volesse approfondire le tematiche affrontate nel testo. In definitiva un testo, quello di Montauti, che ha tutti i pregi che si possono richiedere ad un libro di teoria musicale e ad un libro di qualunque tipo: chiaro, sintetico ma esaustivo, pieno di stimoli per il lettore. Sicuramente da consigliare a chiunque sia interessato a sviluppare la propria conoscenza sul sempreverde argomento della modalità.

Domenico Lobuono

PUBBLICATO
Chitarra Acustica, 10/2013

...sull'Autore
Redazione

Lascia il tuo commento

*

Captcha * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.