Franklin Guitar Company

nick-01435 anni fa la “Franklin Guitar Company” era un piccolo laboratorio con 5 dipendenti. Le chitarre che costruivo erano copie di una originale Martin OM , molte di queste sono state vendute in negozi di strumenti musicali. Le vendite andavano bene ed io non cercavo niente di nuovo. Il mio atteggiamento cambiò verso la fine degli anni 70 quando Stefan Grossman mi contattò a proposito di una mia chitarra che aveva suonato in un negozio. Certamente gli piacque molto quello strumento, ma stava cercando qualcosa di un po’ diverso.

Fui felice di costruire per Stefan una chitarra con le caratteristiche da lui richieste e lui fu contento del mio successo. Così iniziai a “personalizzare” le mie chitarre, non soltanto con un nuovo intarsio o con diverse dimensioni del manico, ma lavorando su suono e suonabilità.

Stefan mostrò la sua Franklin a un suo amico, John Renbourn. Anche lui aveva diverse idee e preferenze su ciò che avrebbe voluto su una chitarra. Così costruii la chitarra anche per John e capii di avere un talento nel soddisfare l’esigenze dei chitarristi.

Il motto era: considerare le esigenze di ogni cliente come modello unico. Un esempio recente di ciò è El McMeen, che ama suonare in accordature diverse abbassando le corde. El mi chiese di costruire la sua chitarra esclusivamente per queste accordature. Questa chitarra è molto leggera e non potrebbe essere accordata in modo “standard”, in DADGAD (accordature con le corde accordate più basse) è incredibile, la sua grande risposta la distingue dalle altre chitarre.

Devo riconoscere che la mia abilità ed il mio approccio nel costruire chitarre è maturato attraverso gli anni. Ma questo è il tipico effetto del passare del tempo ed è un lungo percorso. I musicisti che ho citato (ed anche tanti altri), hanno arricchito la mia carrierà ed ispirato la mia creatività.

Le mie chitarre differiscono da quelle “industriali” perché sono fatte dalle mie mani per le vostre mani. Credo che ciò che mi distingue particolarmente dagli altri liutai è il mio “istinto” verso il legno. Anche se ho dei modelli standard, considero ogni chitarra che faccio come una chitarra personalizzata e costruita per un soddisfare le specifiche esigenze di un chitarrista.

Naturalmente tutte le mie chitarre hanno qualcosa di simile che le contraddistingue: il peculiare”suono Franklin”.

...sull'Autore

Redazione

Related Posts

  1. Fred Burns Reply

    I’m still playing the OM I bought fresh off the line in 1980 (#205). I’m so glad to see you are back in production and so busy. I always remember visiting your shop to get the neck glued down after seeing you at the Calgary Folk Festival. (I even shared your flu bug afterward… blech!) Great guitar! Still love it.

  2. David Discant Reply

    Hello Nick.

  3. Bob Belli Reply

    Hey Nick, nice article about lower tuning. Does this also apply when the guitar is tuned 1/2 step lower? I would be interested in hearing from you about it. Peace be with you brother.

    BB

  4. Stuart Barron Reply

    I received one of Nick’s gutiars just before new years day 2010.

    All I can say is that I’m stunned at the tone and the remarkable dynamics that I get from my Franklin OM.

    Very light guitar. Sound travels right through the top, just like on my 1923 Martin. Most incredible trebles on the face of the planet – melt your heart.

    Base opens up enormously and allows the guitar to shine from high to low notes.

    So lucky I decided to buy one.

    Stuart

  5. Romney Reply

    Welcome back Nicholas 😀

    Your guitars were always a thing of beauty, big, crisp mellow sound coming out of a meticulous body,you always were a perfectionist. Love to you and Genevieve,
    Peace, Rom

  6. Davide&Anita Reply

    I hope to play one of your guitar one day!
    Davide

  7. futre Reply

    Yes,
    me too have played one of Reno’s guitar, the big one, sorry but don’t know the name of the model, WOW! it was amazing, but… ehm, the problem is I’ve little hands… so maybe you could make a very little body guitar for me…
    🙂

  8. Daniele Bazzani Reply

    I spent some time at Reno’s house (did you see the new videos?) and I had a chance to play both of your guitars, man, you know what you do!

    I wanted to tape something with one of those but had no time, I’ll do that, promised!

  9. luapnea Reply

    lei è un grande interprete della liuteria mondiale!
    Le sue chitarre, sono bellissime e suonano “da sole”!
    Ebbi modo di sentire da “spenta” la chitarra di Rembourn… bastava sfiorarla appena!
    Le volevo chiedere maggiori dettagli circa la chitarra costruita specificatamente per le accordature abbassate, potrebbe dirci qualcosina in più’
    la ringrazio sig.Kukich
    Luciano

  10. giovanni Reply

    Hi Nick,
    I had the fortune of playing your first axe for Stefan back in the 80s, and now I’ve seen Reno’s one: you’re a Master for sure!

    Gio

  11. Daniele Bazzani Reply

    Dear Nick, welcome here, it’s a pleasure. I played the guitar you made for Reno, a great piece, thank you for sharing your knowledge with us!
    Daniele

Lascia il tuo commento

*

Captcha * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.