Della chitarra acustica

I would like to share with you some of my experiences regarding the acoustic guitar. I have a past (a present and a future, I hope), as an electric guitarist, in spite of my beginnings playing classical nylon string as a kid. I’m not telling a not too interesting story but I want to say that, getting to the acoustic guitar relatively late, I went through a path common to many, when music was already a job to me; some of these things might be useful to others.

I always had a steel string, even if only in the mid ‘90s I started playing it in clubs, backing the voice, at the beginning it was not easy, I played it like an electric, strings not too heavy and uncorrect setup, for that kind of instrument.

As I got closer to Fingerstyle I understood many things and, while playing, I “felt” the need to switch to heavier strings, one day I just needed more resistance under my fingers. Things change without too much effort, sometimes.
I started understanding the differences between various models, big or small body, short or long scale. No sensational discovery, by the way.

Let’s see some of the commonplaces that we can discredit on the theme:
a) My acoustic guitar is “hard ”.
b) I played a Martin, it was too hard to play, then I played a Taylor, it was easy to play (I put names because these brands are very common to find compared in these situations.

Acoustic guitars aren’t “hard” or “easy to play”, they are all difficult to play if you want to make music, and made of wood. What we try to describe is the overall setup we find on a new guitar. Acoustic guitar has most of his history until now in the Usa, used in contexts like bluegrass, then flatpicking (technique that uses a flatpick). The guitars used usually have a pretty high action and heavy gauge strings, to achieve more volume and be heard in noisy bands, having to compete with fiddle, mandolin, banjo. This happens with classical guitar too, try and play a concert nylon string (it used to be like this in the past), sometimes they’re impossible. Because they have the need to play unamplified in big concert halls.
How are we involved in this? Simple: some manufacturers set their guitars with a pretty high action, so we can bring them to a luthier and have them setup according to our needs, it’s easier to lower a capo then rebuild it. Others like to “impress” the customer with an extreme setup (very well done, must be said), this resulting in our fast judgement: “I can play this, I cannot play this other”. Wrong. Ever heard about luthiers? We should always have one we trust to bring our guitar when we buy one. I played acoustic guitars with .013 gauge strings, they were more comfortable to play than some electric guitars with .009 with a bad setup.

Second commonplace. It has to do with guitar’s volume and timbre. Don’t judge too quickly, your ears hear something and your body feels something when you play. Some small-bodied guitars are resonating on our stomach, big-bodied guitars (like Dreadnoughts) are built to project the sound far from us, many times we don’t feel them on our body. One of the common mistakes is going to a noisy store comparing different guitars in rooms not built to do that, with old strings on and setups we don’t like.
It’s like choosing our best friend at a party with many guests, the funny guy is who impress us, the shy one is hard to see, he will hardly speak. Guess who’ll pick you up at night when it’s raining and your car is broken.

Timbre is one of the most important things on an instrument, it has nothing to do with volume. Think of a singer, do you like a shouter or the one that sings with a soft, warm voice? Let’s go back to the store we described before, it’s noisy and we’re in a rush, not too many chances that a not well trained ear can understand everything. We’ll be impressed by the overall volume, not by the timbre. We must remember that we’ll play our guitar at home, or in a studio with a condenser microphone that catches a breathe, so volume is not our first option. It has its importance, less than we think. A good rule is to play a good acoustic at least an hour, to warm it and hear what happens when it turns on, it’s built with wood, and wood needs time. It’s useful to go with a friend, have him play it and sit in front of him, you’ll hear more than you can imagine.

Let’s go back. Setup is very important and the nut has an important role: lowering it can make a F major chord playable or impossible, here’s the luthier again. Don’t do that by yourselves.

On sound, in time. I mentioned the fact we have to deal with wood. When we choose a guitar we have to remember that it’ll change with passing time, especially if we play regularly, some strumming is a very good habit. Try to understand the overall nature of what you are playing, and imagine how it might change. And it does! Proof is that some very old guitars, even low quality ones, have properties that you cannot find on new instruments, they don’t just get better, but the wood dries and gives the sound some qualities that are not possible to reproduce on new ones. This is why seasoned woods are used to build expensive guitars. Seasoned, but not played, our playing is too important to make a guitar’ sound improve. I’ll tell you more: guitars change in time in a different way according to who play them, I know how hard it is to believe. Buying a good used piece is something many players like to do, it’s cheaper, and guitars are already played, so more opened.

I tried to sum up and many things won’t be said, but I hope the starting point is clear, we spend years changing amplifiers, effects and guitars, some people say that a 9v battery of a different brand can change the sound of a stompbox, imagine the variables on a thing alive as a guitar.
Never forgetting that your sound, is in your hands.

Vorrei condividere con voi alcune delle mie esperienze riguardanti la chitarra acustica. Ho un passato (e un presente, e spero un futuro) da chitarrista elettrico, nonostante abbia iniziato suonando la chitarra classica. Questo non per raccontare una storia assai poco interessante, ma per dire che, avvicinandomi alla chitarra acustica relativamente tardi, ho affrontato un percorso comune a molti, in età avanzata, quando la musica era per me già una professione; alcune di queste riflessioni potrebbero essere utili ad altri.

Ho sempre posseduto una acustica, anche se a metà degli anni ’90 ho iniziato a suonarla nei locali, accompagnando la voce, l’inizio è stato difficile, visto che la suonavo come un’elettrica, corde non molto spesse e setup non corretto, per il tipo di strumento.

Pian piano mi sono avvicinato al fingerstyle, rendendomi conto di molte cose, e suonando ho “sentito” la necessità di passare a corde più grosse, un giorno ho semplicemente avuto bisogno di maggior resistenza sotto le dita. Le cose cambiano senza fatica, a volte.
Ho anche iniziato a capire le differenze fra i vari modelli, casse piccole, grandi, tastiere più o meno larghe, scale corte o lunghe. Nessuna scoperta sensazionale, comunque.

Vediamo alcuni dei luoghi comuni – sul tema – possibili da sfatare:
a) la mia chitarra acustica è “dura”
b) ho provato una Martin, era durissima, poi ho provato una Taylor, era morbidissima (faccio i nomi perché sono quelli che più spesso ricorrono in questo tipo di situazione).

Le chitarre acustiche non sono dure o morbide, sono di legno. Quello che cerchiamo di descrivere è il setup complessivo con cui escono dalla fabbrica. Facciamo un passo indietro. La chitarra acustica sviluppa la sua storia negli Usa, legata a stili come il bluegrass, quindi flatpicking (tecnica con il plettro). Gli strumenti utilizzati sono spesso regolati con un’action piuttosto alta e corde molto grosse, per avere più volume e potersi sentire in contesti rumorosi, dovendo competere con violino, mandolino, banjo. Questo accade anche con la classica, provate a mettere le mani su una chitarra da concerto (soprattutto come si usava fare in passato), alcune sono semplicemente impossibili da suonare. Perché il bisogno è quello di suonare non amplificati in una sala molto grande.
Come ci riguarda questo fatto? Semplice: alcuni produttori di chitarre acustiche le regolano di partenza molto “scomode” per dare a ognuno la possibilità di agire come meglio crede, è più facile abbassare un ponte o un capotasto che ricostruirli. Altri preferiscono “fare colpo” sul cliente con regolazioni estreme (molto ben fatte, va detto) in favore della comodità, il tutto risulta nel nostro veloce giudizio: “questa è suonabile, questa no”. Sbagliato. Mai sentito parlare di liutai? Dovremmo sempre averne uno di fiducia a cui portare una chitarra appena comprata. Ho suonato chitarre acustiche con corde .013 che erano più morbide di elettriche con .009 regolate da schifo.

Secondo luogo comune. Coinvolge il volume e il timbro della chitarra. Attenzione a quello che sentono le vostre orecchie quando siete voi a suonare, e a quello che sente il vostro corpo. Alcune chitarre suonano molto “addosso”, altre (come le Dreadnought) sono pensate per proiettare il suono a distanza, le sentiamo poco sulla pancia.
Uno degli errori di valutazione più frequenti è quello di andare in un negozio, magari rumoroso, e fare confronti fra strumenti diversi in sale inadatte, con corde vecchie e setup approssimativi. E’ come pensare di scegliere il nostro migliore amico a una festa con molti invitati, il simpaticone farà sempre miglior figura inizialmente, il timido lo dovete cercare, perchè difficilmente parlerà. Quale dei due verrà a raccattarvi di notte con la pioggia se vi si ferma la macchina, lo scoprirete solo vivendo.

Il timbro è una delle cose fondamentali in uno strumento, e ha molto poco a che fare con il volume. Pensate a un cantante, preferite quello che strilla o quello che vi rapisce con una voce calda? Torniamo al negozio di prima, rumoroso e di fretta, saremo di certo impressionati dal volume della chitarra, meno dal timbro, ci sono quindi poche possibilità che un orecchio poco allenato possa capire tutto e subito. Anche perchè con la chitarra che sceglieremo non suoneremo in negozi rumorosi, ma a casa, o in uno studio ripresi da microfoni che catturano anche un lieve respiro, quindi il volume ci interessa poco. Ovvio che ha un suo ruolo, ma di importanza molto minore di quanto crediamo. E’ buona regola provare una acustica almeno un’ora, per farla scaldare e sentire cosa accade quando si mette in moto, in fondo è di legno, e il legno ha bisogno di tempo. Molto utile anche il fatto di andare con un amico, farvela suonare mentre ci siete davanti, sentirete molto più di quanto crediate.

Torniamo all’inizio. Il setup è importantissimo, e in questo il capotasto svolge un ruolo fondamentale: abbassarlo di una misura invisibile agli occhi può rendere un Fa maggiore in prima posizione molto comodo anziché insuonabile, ecco che la figura del liutaio torna a fare capolino.

Sul suono, nel tempo. Dicevo del fatto che abbiamo a che fare con il legno. Quando si sceglie una chitarra nuova, si deve sempre ricordare che nel tempo il suo suono cambierà, soprattutto se la suoniamo regolarmente, qualche bella schitarrata con il plettro fa davvero bene. Se non vi piace Battisti, problema vostro (“Mangiafuoco” di Bennato è un ottimo esercizio). Attenti quindi a capire i tratti fondamentali di quella che avete fra le mani, e cercare di immaginare come potrà cambiare. E quanto cambia! La prova è il fatto che alcune chitarre molto vecchie, anche se di bassa qualità, hanno caratteristiche che gli strumenti nuovi non hanno, non diventano “migliori” in senso generico, ma i legni che si asciugano conferiscono al suono delle proprietà non riproducibili altrimenti, ecco perché si usano legni già stagionati per costruire chitarre costose. Stagionati si, ma suonati no, ecco che il nostro apporto è un fattore fondamentale. Dirò di più: le chitarre cambiano nel tempo in maniera diversa a seconda di chi le suona, per quanto possa risultare difficile crederlo. Comprare un buon usato è una cosa che molti preferiscono, perché le sei corde costano meno, e sono già suonate, quindi più aperte.

Ho cercato di riassumere e molte cose resteranno non dette, ma credo che il punto di partenza sia chiaro, passiamo anni a cambiare amplificatori, effetti e chitarre, e c’è chi dice che addirittura una batteria da 9 volt di una diversa marca possa cambiare il suono di un pedale, figuriamoci le variabili in uno strumento vivo come un’acustica. Senza dimenticare mai che il vostro suono, è nelle vostre mani.

...sull'Autore
  1. rylan131 Reply

    Condivido, bell’articolo.
    Aggiungerei anche che è importante la spaziatura delle corde al ponte.

  2. rulan131 Reply

    Condivido, bell’articolo!

  3. Daniele Bazzani Reply

    ciao Piero, non sono sicuro di aver ben capito cosa intendi ma il ponticello “deve” essere più alto della tastiera, altrimenti le corde non hanno lo spazio sufficiente per vibrare e quindi suonare. Poi se è troppo alto puoi abbassarlo, ma portala da un bravo liutaio o rischi di fare danni.

  4. piero traverso Reply

    Ciao, ho acquistato una chitarra acustica suzuki f-90, usata, il ponticello non è allineato col manico, cioè, tirando una linea che passa sui tasti della tastiera, va a terminare a metà del ponticello, non più in alto, come dovrebbe essere. Potrei fresare il ponticello stesso (cioè la parte in legno) di 3 mm affinché l’action risulti più bassa? Tale manovra potrebbe far risultare insufficiente la tenuta dei piroli sulle corde? grazie

  5. suonato Reply

    Bellissimo articolo Daniele. L’ho letto con molto piacere.

  6. Daniele Bazzani Reply

    Ciao Enrico, non so se ti riferisci a me o a qualcuno che ha postato qui, se ti ho dato l’impressione di voler fare il “saputello” come dici tu, mi dispiace, cercavo di dare consigli su come regolarsi prima di spendere soldi, tutto qui.

  7. Enrico Reply

    Bravo fai il saputello,
    spiegami tu come andare in un negozio e dirgli
    “hey portami a provare le chitarre in una stanza silenziosa, ed esigo che siano tutte passate tra le mani di un liutaio x un setup accurato”.
    ma per favore

  8. guidog Reply

    Bravo Daniele, condivido in tutto l’articolo, E aggiungo che le chitarre sono “meteoropatiche”, suonano diversamente a seconda di umidita’ e temperatura, insomma, non suonano tutti i giorni uguale!

  9. Daniele Bazzani Reply

    Ciao Elio,
    il modo in cui è costruita una chitarra la rende dotata di certe caratteristiche timbriche, non solo ale orecchie di chi ascolta, ma anche e soprattutto a noi che la suoniamo. Non credo dipenda dal legno, quanto dal modo in cui è fatta.
    ciao e grazie di leggere!
    Daniele

  10. Daniele Bazzani Reply

    Ciao Fabio,
    il calibro è molto soggettivo, dipende da cosa suoni, se usi accordature aperte che scendono molto in basso, come regoli la chitarra.
    Quello che ho scoperto è che suonando si può sentire la necessità di aumentare tensione.
    E si, il setup andrebbe rivisto, per essere sicuri di aver lo strumento regolato al meglio.
    a presto
    Daniele

  11. Elio Reply

    Certo che ce ne sono di variabili.
    Non ho mai notato che alcune chitarre suonano più sulla “pancia” e altre proiettano il suono in avanti… è una caratteristica data dal legno o dalla struttura?

  12. Fabio Palmieri Reply

    Ciao Daniele,
    colgo l’occasione, come si suol dire, per chiederti:
    1) quale criterio secondo te si dovrebbe applicare (a parte il “suono delle tue mani”) nella scelta del calibro delle corde su un’acustica?
    2) cambiare spessore di corde implica necessariamente ritoccare il setup dello strumento?

Lascia il tuo commento

*

Captcha * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.