Chitarre acustiche Alvarez AG60CEAR e DELTA00EDLX

(di Marco Alderotti) Azienda statunitense con sede a St. Louis nel Missouri, Alvarez – come molti altri brand – offre oggi una gamma di strumenti molto ampia e interessante, pensata sia per il principiante, con strumenti economici funzionali e ben costruiti, quanto per il professionista, con chitarre di alta liuteria. Le due sorelline in prova fanno parte la prima della serie Artist e la seconda della serie Jazz & Blues, non propriamente delle serie entry level ma, come vedremo più avanti, sicuramente strumenti non costosissimi e dalle caratteristiche uniche e professionali, disegnati in USA ma costruiti in Cina come specificato dall’etichetta interna.

La AG60CEAR, la prima che andrò ad analizzare, è una chitarra acustica Grand Auditorium a spalla mancante dalle medie dimensioni, con un design molto curato e dal gradevole impatto visivo. È costruita con top in abete Sitka massello grado A+, fondo e fasce in mogano laminato con giunzione armrest, ossia una splendida smussatura che favorisce l’appoggio del braccio destro, rendendo lo strumento più comodo e allo stesso tempo desiderabile. Il manico è in mogano, con finitura leggermente satinata, mentre ponte, tastiera e rivestimento della paletta sono in palissandro. La tastiera inoltre è priva di segnatasti, tranne i piccoli dot sul bordo, con uno speciale intarsio molto semplice ed elegante al XII tasto in similmadreperla. I 21 tasti montati sono di medie dimensioni e ben installati e lucidati. Ponticello e nut sono in osso, mentre il doppio binding in palissandro dona allo strumento un aspetto ancor più elegante, sposandosi molto bene con gli altri legni utilizzati. La rosetta è costituita da due filetti intorno alla buca, uno in palissandro e l’altro in similmadreperla, soluzione semplice ma di buon gusto. Anche la paletta ha un design semplice e gradevole, monta meccaniche cromate denominate Premium dall’azienda, dal funzionamento più che discreto, e sulla stessa è presente sia il marchio del brand che uno stemma a forma di rombo in similmadreperla.

Il ponte merita un capitolo a parte. Il disegno riprende il modello a ‘castelletto ribassato’, che è diventato una delle cifre stilistiche della casa; è mutuato dalle serie più prestigiose realizzate in collaborazione con Yairi, anche se il progetto originale prevede due blocchi separati, quindi con i fermacorde più distanziati dal ponte vero e proprio, mentre in questo caso abbiamo un monoblocco che ne richiama il design, ma ne semplifica la realizzazione.

Concludiamo la descrizione segnalando la finitura lucida, l’amplificazione on board con sistema L.R. Baggs Stage Pro Element (solo piezo) e il secondo gancio per la tracolla; di serie non è prevista la custodia.

Iniziamo la prova dello strumento saggiando le sue caratteristiche acustiche. Appena imbracciata la chitarra risulta molto comoda da suonare, bilanciata nei pesi, sia seduti che in piedi. Il suono di per sé è abbastanza omogeneo, con tutte le frequenze in evidenza ma senza il predominio di nessuna: i bassi ci sono, ma non sono invadenti; medi e acuti si fanno sentire in maniera molto gradevole. L’elettronica on board personalmente la conosco molto bene, visto che l’ho usata per alcuni anni su un mio strumento. Abbiamo a disposizione un cursore per bassi, medi e alti, volume generale, pulsantino phase con potenziometro notch per annullare eventuali frequenze fastidiose, interruttore tuner. Il suono amplificato è buono e predilige senza ombra di dubbio lo strumming, trattandosi di un sistema solo piezo; ma con opportune regolazioni ci possiamo suonare anche del buon fingerstyle. L’action non è bassissima ma, grazie anche alle dimensioni del manico molto confortevole, non si percepisce nessun affaticamento. Buono strumento davvero.

La Delta 00E Deluxe ha uno shape del corpo ridotto, simile a una parlor, con una finitura lucida denominata Vintage Burst molto ben eseguita. E ha il top in abete Sitka massello, grado AA. Fasce, fondo e manico sono in mogano massello, mentre tastiera, ponte e rivestimento della paletta sono in palissandro. Anche qui i tasti sono di medie dimensioni, ben montati e lucidati. La tastiera è priva di segnatasti, tranne i piccoli dot sul bordo e lo stemma al XII tasto in similmadreperla. Ponticello e nut sono in osso, e il doppio binding color avorio si sposa molto bene con l’estetica della chitarra, così come la rosetta, che è un unico filo di abalone: soluzione elegante e di classe. La paletta è identica a quella della sorella, con l’eccezione delle meccaniche che in questo caso sono le Premium Open Gear, molto simili alle Waverly, rétro ma estremamente azzeccate nell’estetica generale dello strumento e dal funzionamento più che buono. Lo strumento ha il doppio gancio per la tracolla e, di serie, non viene fornita la custodia. Anche la Delta monta un’amplificazione on board, equipaggiata in questo caso con il sistema L.R. Baggs VTC, molto semplice e quasi invisibile.

Partiamo dalla chitarra non amplificata e, già dalle prime note, si capisce come mai l’azienda abbia inserito questa chitarra nella serie Jazz & Blues. Sì, Robert Johnson è nei paraggi e forse ci sta anche ascoltando. È chiaro che lo strumento predilige il genere blues, ma è a suo agio anche con lo strumming quanto con l’accompagnamento al cantato; e anche con il fingerstyle ottiene degli ottimi risultati, tanto è bilanciato il suono con alti sempre in evidenza, medi e bassi un po’ più asciutti, con risultati molto buoni nell’insieme.

Amplificata devo dire che mi ha sorpreso, considerando che a disposizione abbiamo soltanto, all’interno alla buca, due rotelline per il controllo del volume e dei toni. Anche questo sistema L.R. Baggs è solo piezo, alimentato con una batteria a 9 V posizionata all’interno alla buca. Il suono è molto presente, abbastanza similare allo strumento unplugged, pieno e dinamico nella giusta misura. Anche in questo caso l’action è migliorabile, ma nonostante tutto lo strumento si lascia suonare molto bene, grazie alle dimensioni del manico e alla finitura satinata gradevole al tatto.

Giunti al termine, non mi rimane altro che consigliarvi vivamente la prova di persona, certo che non rimarrete delusi. La AG60CEAR ha dalla sua un aspetto molto elegante, moderno e professionale, dal suono abbastanza potente e definito. La Delta 00E Deluxe è amore a prima vista, rétro nell’aspetto ma dalle mille sfaccettature. Per entrambe il rapporto qualità/prezzo è sorprendente.

marcoalderotti1966@gmail.com

Strumenti gentilmente messi a disposizione per la prova da Niccolai Grandi Magazzini della Musica di Vicopisano (Pisa).

Scheda tecnica

Alvarez AG60CEAR

Tipo: chitarra acustica

Costruzione: Cina

Distributore: www.backline.it

Tavola: abete Sitka massello A+

Fasce e fondo: mogano laminato

Manico: mogano

Tastiera e ponte: palissandro

Ponticello e nut: osso

Finitura: lucida

Elettronica: L.R. Baggs Stage Pro Element Pickup

Meccaniche: Alvarez Premium

Prezzo: € 599

Scheda tecnica

Alvarez DELTA00EDLX

Tipo: chitarra acustica

Costruzione: Cina

Distributore: www.backline.it

Tavola: abete Sitka massello AA

Fasce e fondo: mogano massello

Manico: mogano

Tastiera e ponte: palissandro

Ponticello e nut: osso

Finitura: lucida

Elettronica: L.R. Baggs VTC

Meccaniche: Chrome Premium Open Gear

Prezzo: € 460

...sull'Autore

Related Posts