Chitarra acustica – VINTAGE VE3000PB Paul Brett Signature di Mario Giovannini

vintage1

Vintage è un marchio che, forse, ai più non dirà molto. Prima di liquidarlo, però, come la solita ‘cinesata’, merita un’occhiata un po’ più attenta. Perché Trev Wilkinson, invece, è o dovrebbe essere molto, ma molto più ‘familiare’, soprattutto a chi suonava l’elettrica negli anni ’90. Mr. Tremolo si è lanciato da qualche anno nella progettazione di una linea di strumenti economici, realizzati in oriente, ma caratterizzati da una cura e una ricerca del dettaglio davvero notevoli. Il catalogo Vintage non propone semplici repliche di icone classiche della chitarra elettrica, ma va a pescare nelle serie più particolari e custon, proponendole a prezzi decisamenti abbordabili. Per la linea acustica, invece, ha fatto un passo in più, mettendo in commercio anche due modelli signature, realizzati su specifiche precise degli interessati. Ha fatto sicuramente scelte un po’ particolari, visto che non si tratta esattamente di personaggi di primissimo piano della scena musicale internazionale. Ma, sicuramente, si tratta di chitarristi ‘veri’ che hanno le idee ben chiare su cosa pretendere da un’acustica.
Il Paul Brett autore della VE3000PB oggetto della prova ha iniziato la sua carriera negli anni ’60, per raggiungere una discreta fama nel 1970 con la nascita dei Sage prima e la successiva evoluzione negli Strawbs. Chitarrista eclettico, capace di fondere diverse influenze nelle sue composizioni, per altro sempre molto vicine al movimento psichedelico di quel periodo. E non è un caso che della VE3000 esista anche la versione 12 corde, visto quanto il musicista londinese ha dimostrato di apprezzare quello strumento nel corso della sua carriera.
Ma torniamo alla 6 corde a disposizione. Si tratta di una parlor con il top in Abete massello, di buona qualità, chiaro e con venature fitte e compatte, e fasce e fondo in Palissandro laminato molto scuro e ben realizzato. Le giunzioni del corpo sono ornate con un binding a ‘lisca di pesce’ che, oltre a segnalare la presenza di una catenenatura alleggerita, contribuisce a creare un bell’effetto estetico giocato su contrasti e rimandi. La finitura satinata è ben realizzata, anche se è sempre da maneggiare con maggiore attenzione rispetto a quella lucida. Sul manico in mogano, che si aggancia alla cassa la XIV tasto è montata una tastiera in Palissandro, anche in questo caso molto scuro, priva di segnatasti. Compare solo al XII tasto un fregio accattivante con il doppio logo specchiato della casa. La paletta, impiallacciata in Palissandro, è del tipo sloted con meccaniche aperte dorate da funzionamento ineccepibile. Il ponte, naturalmente in Palissandro, ha un design essenziale, senza rinunciare a un pizzico di originalità. Ponte e capotasto sono realizzati in Graphtec Tusq. Ficcanasando nella buca non si può fare a meno di notare due cose: la presenza dei controlli di tono e volume del Fishman Acoustic Matrix montato di fabbrica, oltre all’assoluta pulizia e precisione nella realizzazione degli incastri. Nel complesso si apprezza l’estrema precisione usata nella realizzazione dello strumento che, pur rifacendosi a una cifra stilistica estremamente collaudata, non rinucia ad alcune soluzioni originali.

vintage2

Alla prova pratica lo strumento risulta molto leggero, bilanciato e comodo da imbracciare. Il nut largo e le dimensioni del body non lasciano dubbi su quale sia la vocazione di base di questa chitarra, che sembra nata per il fingerstyle. E la scala corta aiuta anche a ‘sopportare’ un’action non esattamente da corsa. Il suono è davvero convincente e la cosa che stupisce di più è la definizione dei bassi. Dove si trovi, in una cassa di queste dimensioni, tutta quest’aria da muovere è un bel mistero. Scordatevi il classico suono della parlor, chiuso è inscatolato. La VE3000PB è estremamente aperta e risuonante, con un bel riverbero naturale e un sustain di tutto rispetto. Siamo molto vicini nel complesso alla resa di una OM, e i quattordici tasti ‘fuori’ controbuiscono, personalmente, a rendermela ancora più simpatica. Il Fishman montato di serie, pur non essendo esattamente un sistema di rilevazione ‘esoterico’, fa il suo ‘sporco lavoro’ in maniera più che egregia e rappresenta la classica ciliegina su una torta già abbastanza ricca di suo.
Niente da dire, Paul e Trev hanno fatto un gran bel lavoro nel progettare e realizzare uno strumento davvero interessante, sia per le soluzioni adottate che per un rapporto qualità/prezzo estremamente competitivo.

vintage3

mario.giovannini@chitarra-acustica.net

Scheda tecnica
Tipo: Chitarra acustica
Costruzione: Cina
Distributore: Stefy Line
Tel. 071/7501492 Fax 0717501493
Prezzo: Euro 500 IVA inclusa
Top: Abete massello
Catene: Abete
Fasce e fondo: Palissandro
Manico: Mogano
Tastiera: Palissandro
Ponte: Graphtec Tusq
Binding: Acero/Palissandro
Meccaniche: open dorate con palittina ambrata
Amplificazione: Fishman Acoustic Matrix con Tono e Volume sotto buca
Scala: 649 mm
Tasti: 20

Lo strumento oggetto della prova è stato gentilmente messo a disposizione da:
Musik, via Lanza 114/A a Casale M.to (AL) – www.musikshop.it

PUBBLICATO
Chitarra Acustica, 12/2013

...sull'Autore

Lascia il tuo commento

*

Captcha * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.