Chitarra acustica Eko Mia 018

Out on the market since 2009, Massimo Varini’s Eko Mia (the ‘dread’ model just for clarification) has been a true commercial success. The weight of this name in the media certainly played its part, but it’s beyond doubt that the instruments are reputable, well-built out of quality material and on offer at a competitive price. Two years on we are witnessing the evolution of the species and the development of the line with a cutaway dread and the introduction of the shape 018, both ‘entire’ and cutaway. The prerequisites are still the same: Massimo’s careful work joined with that of all those working in the design phase, good value for money and the inevitable choice to de-localise production in the Far East, in order to contain production costs. The model we received to test out is the ‘new’ 018. But there was also one from the first series to hand, with a D shaped soundboard, in order to make our inevitable comparisons between the two – without falling into the usual clichés of ‘these new ones don’t sound as good as the originals’, ‘whoever really knows them knows what we’re talking about’, and other such pleasantries on the music market.


So, ‘Zero Eighteen’ has a much smaller soundboard, which is partly due to its thickness that makes it slightly under-size, just like the original D model. The top has been made out of good quality solid cedar, in two parts joined together like a book. The back and sides are in laminated mahogany. The joints have been decorated with double black and white purfling and a binding made out of plastic, that has been well-made and well positioned; it has the colour of old ivory, that goes well with the instrument’s aesthetic as opposed to the rather plastic-y one on the first series. The border rises up onto the guitar’s neck, that has been made out of mahogany with a rosewood fingerboard, on which the 20 jumbo frets have been perfectly positioned. Its intonation is perfect. The headstock, which is generously large, is dark brown with the brand’s logo in ivoroid. It has brand-less chrome tuning keys with ebony coloured heads. They carry out their function impeccably. The bridge has been made out of rosewood, to match the fingerboard, and contains the first of several peculiarities in this instrument. Two Allen key nuts are present that allow the height of the saddle to be regulated very simply and quickly.

The guitar comes with a fitted Fishman amplification system, the Presys Blend, and the piezo underneath the saddle has been bolted there thanks to that mechanism, so that there is no danger of creating a gap between the two elements, with the well-known problems to the system’s performance this would cause. The fact that the bridge is practically not in contact with the soundboard could cause some perplexity. It will be interesting to see if it affects the quality of the sound.
The neck has been inserted into the body at the 14th fret and is without a heel. This is because the truss rod, accessible from the headstock, has been designed to act on the whole fretboard and not only till its junction, and also because of the presence of the FastLok. Waiting to be patented, this system allows the neck’s inclination to be controlled simply by acting on a journal box attached to the back of the body at the neck junction. It even allows the neck to be unblocked and removed from the instrument. To be honest, it’s a lot more complicated to explain than to do. In a few minutes, it’s possible to create a practically perfect setup for the guitar, thanks to the combination of FastLok and the adjustable bridge. You can even play around with extreme ways of regulating it. For example, with the neck at an obtuse angle, it’s possible to raise the saddle as a consequence, keeping the action manageable and creating a good point of tension on the bridge – and hence also of transmitting vibrations. All this obviously wasn’t there on the first series.


But let’s move on to the practical tests. When you first take it up in your arms, the guitar seems slightly off-balance towards the headstock, which is almost inevitable given how small the body is. Anyway, that’s not such a tragic thing. In fact, it’s only just noticeable. On the other hand, the little body is really comfortable to hold and – given the easy and quick way of adjusting the neck – it seems like you’ve had it in your arms forever. With the first chord, the usual E in first position, all perplexities over the thickness of the soundboard and structure of the bridge disappear. The guitar plays – here I am! Just as for the old series, the first thing that strikes you is the volume, completely unexpected. And it’s not all talk, there’s also substance. The tone is articulated although lightly compressed – but that’s not necessarily a bad thing – with excellent balance across the whole range. It’s an ideal instrument for fingerstyle, both because of its dimensions and because of the shape of its body, even though – as often happens for guitars of this kind – it’s also well-suited for light strumming accompaniment. The amplification system fitted by the company does its job pretty well, helped by the little capsule microphone integrated in the preamp mounted on the upper side. Its feedback resistance is notable, which is also due to the so reviled laminated back and sides.
We could now almost repeat word by word what has already been said about the first series: it’s excellent value for money, very well-built, good materials and some really interesting technical solutions. It’s an ideal guitar for… just about everyone: for beginners, who want something sturdy they can rough-handle, or to recommend to a student who can buy a serious instrument without risking being thrown out of home. With respect to the first series, the new Mia has had more consideration over details and finishings, plus its setup adjustment is completely user-friendly. We only hope that the distributor doesn’t notice that I’ve popped the ‘old’ one back in the case and kept the 018…

Mario Giovannini

TECHNICAL DETAILS
Eko Mia 018

Type: acoustic guitar
Made in: China
Manufacturer: EKO Music Group S.p.A., via Falleroni 92, P.O. Box 52, 62019 Recanati (MC), tel. +39 0733 226271
www.ekomusicgroup.com
Price: 320 Euro (street price)
Top and braces: solid cedar
Back and sides: laminated mahogany
Neck: mahogany
Fingerboard: rosewood
Bridge: rosewood
Pickguard: no
Binding: plastic
Tuning machines: chrome-plated with pegheads in ebony
Width at nut: 44 mm
Width at bridge: 56 mm
Scale: 650 mm
Frets: 20

This article is in Chitarra Acustica, n. 2, May 2011, pp. 42-43.

Uscita sul mercato nel 2009, la Eko Mia di Massimo Varini, il modello ‘dread’ per intenderci, è stato un vero successo commerciale. Sicuramente il peso mediatico del personaggio ha avuto la sua valenza, ma è indubbio che si trattava di buoni strumenti, ben costruiti e con materiali di qualità, proposti a un prezzo assolutamente concorrenziale. A due anni di distanza assistiamo all’evoluzione della specie e all’ampliamento dell’offerta con una dread a spalla mancante e l’introduzione dello shape 018, sia ‘intero’ che cutaway. I presupposti di partenza sono sempre gli stessi: l’attento lavoro di Massimo e di tutti quelli che gli stanno attorno in fase di progettazione, un buon rapporto qualità/prezzo e l’inevitabile scelta di una costruzione delocalizzata in Estremo Oriente per contenere i costi di produzione. Il modello ricevuto in prova è la ‘nuova’ 018, ma a portata di mano c’era anche una prima serie con cassa D, per poter fare gli inevitabili paragoni tra le due. Senza cadere nei soliti luoghi comuni del ‘quelle nuove non suonano come le prime’, ‘chi le conosce sa di cosa stiamo parlando’ e altre amenità varie da mercatino musicale.


Zero diciotto quindi, con dimensioni della cassa molto ridotte anche a causa dello spessore, leggermente sottodimensionato, come sul modello D originale. La tavola è in cedro massello di buona qualità, in due parti unite a libro, fasce e fondo sono in mogano laminato. Le giunzioni sono ornate da un doppio filetto bianco e nero e da un binding in materiale plastico. Ben realizzato e ben posato, ha un colore avorio antico che ben si sposa con l’estetica dello strumento, al contrario di quello un po’ plasticoso della prima serie. Il bordo sale anche sul manico, realizzato in mogano con tastiera in palissandro, su cui sono perfettamente posati 20 tasti jumbo. L’intonazione è perfetta. La paletta, di dimensioni generose, è marrone scuro con il logo della casa in ivoroid, e monta meccaniche senza brand, cromate con palettina color ebano. Svolgono il loro compito in maniera impeccabile. Il ponte in palissandro, in match con la tastiera, racchiude la prima di alcune delle peculiarità di questo strumento. Sono presenti due dadi a brugola che permettono di regolare l’altezza dell’osso in maniera molto semplice e immediata.

La chitarra monta di serie un sistema di amplificazione Fishman, il Presys Blend, e il piezo sotto sella è fissato all’osso a morsetto, grazie a quel meccanismo. In modo che non sia possibile che si creino spazi tra i due elementi, con i ben noti problemi alla resa del sistema. Il fatto che, praticamente, il ponte non sia a contatto con la tavola armonica può creare qualche perplessità. Sarà interessante verificare se ci saranno problemi nella resa sonora.
Il manico si inserisce nella cassa al XIV tasto ed è privo di tacco. Sia perché il truss rod, cui si accede dalla paletta, è studiato per intervenire su tutta la tastiera e non solo fino all’innesto, sia per la presenza del FastLok. In via di brevetto, questo sistema permette di controllare, semplicemente agendo su una boccola posta sul retro della cassa in corrispondenza dell’innesto del manico, la sua inclinazione ed eventualmente lo sblocco per smontarlo dallo strumento. È molto più complicato da spiegare che da fare, a essere sinceri. In pochi minuti, con la combinazione di FastLok e ponte regolabile, è possibile fare un setup praticamente perfetto alla chitarra. Magari sperimentando regolazioni un po’ estreme: ad esempio con un angolo del manico molto pronunciato è possibile alzare di conseguenza l’osso, mantenendo l’action molto agevole e creando un buon punto di tensione – e quindi di trasmissione delle vibrazioni – sul ponte. Tutto questo, ovviamente, sulla prima serie non c’era.


Ma veniamo alla prova pratica. Appena imbracciata, la chitarra risulta leggermente sbilanciata verso la paletta, quasi inevitabile viste le dimensioni della cassa. Non una cosa tragica comunque. Anzi, si avverte appena. D’altro canto, la piccolina risulta davvero comoda da imbracciare e, vista la regolazione del manico semplice e immediata, sembra di averla per le mani da sempre. Al primo accordo, il solito Mi in prima posizione, tutte le perplessità su spessore della cassa e conformazione del ponte spariscono: la chitarra suona, eccome. Come per la vecchia serie, la prima cosa che colpisce è il volume, assolutamente inaspettato. E non è tutto fumo, c’è anche sostanza. Il tono è articolato, seppur leggermente compresso – ma non è per forza una cosa negativa – con un ottimo equilibrio su tutta la gamma. Strumento ideale per il fingerstyle, sia per dimensioni che per lo shape del corpo, anche se, come spesso accade per chitarre di questo tipo, si presta bene anche a uno strumming leggero di accompagnamento. Il sistema di amplificazione montato dalla casa fa egregiamente il suo lavoro, complice anche il microfononino a capsula, integrato nel pre montato sulla fascia superiore. La resistenza al feedback è notevole, merito anche delle vituperate fasce e fondo in laminato.
Si potrebbe ripetere quasi parola per parola quanto già detto in merito alla prima serie: ottimo rapporto qualità/prezzo, ottima costruzione, buoni materiali e soluzioni tecniche davvero interessanti. Chitarra ideale per… tutti: per chi comincia, per chi la vuole come muletto, da consigliare all’allievo che può acquistare uno strumento serio senza rischiare di essere sbattuto fuori casa. Rispetto alla prima serie, le nuove Mia sono più curate nei dettagli e nelle finiture con il plus di una regolazione del setup assolutamente user friendly. Speriamo solo che il distributore non si accorga che ho infilato nella custodia quella ‘vecchia’ e mi sono tenuto la 018…

Mario Giovannini

SCHEDA TECNICA
Eko Mia 018

Tipo: chitarra acustica
Costruzione: Cina
Importatore: EKO Music Group S.p.A., via Falleroni 92, P.O. Box 52, 62019 Recanati (MC), tel. +39 0733 226271
www.ekomusicgroup.com
Prezzo: 320 euro street price
Top e catene: cedro massello
Fasce e fondo: mogano laminato
Manico: mogano
Tastiera: palissandro
Ponte: palissandro
Battipenna: no
Binding: plastica
Meccaniche: cromate con palettina in ebano
Larghezza al capotasto: 44 mm
Larghezza al ponte: 56 mm
Scala: 650 mm
Tasti: 20

Questo articolo è in Chitarra Acustica, n. 2, maggio 2011, pp. 42-43.

...sull'Autore
Redazione

Related Posts

  1. Gigio Reply

    “”Il ponte regolabile lo aveva già proposto la Gibson negli anni ’50…””
    Vero, però era più complesso e laborioso. Il sistema della Eko può essere regolato in meno di un minuto; anche on stage. L’accordatura necessita solo di un rapido trimming. Secondo me è un’idea intelligente che potrà contribuire a un rilancio del marchio di Recanati.

  2. Stefano Reply

    Il ponte regolabile lo aveva già proposto la Gibson negli anni ’50…
    Mi chiedo come possa funzionare un piezo senza la pressione che esercita normalmente la selletta

  3. thumbpick80 Reply

    Se uno di questi strumenti fosse uscito sul mercato quando ho iniziato a suonare, cioè poco più di dieci anni fa, avrei sicuramente fatto un buon affare comprandolo. Ormai, essendo cresciuta la passione ed avendo maturato l’esigenza di uno strumento di fascia qualitativa elevata, mi sono spostato su una fascia di prezzo molto elevata in rapporto anche alle mie possibilità economiche quindi non ha senso per me tornare indietro e comprare uno strumento, se posso usare il termine, new-entry, ma se dovessi ricominciare daccapo sicuramente cercherei il negozio più vicino in cui fare una prova di una eko mia perché è veramente interessante come proposta, anche per il fatto dell’action regolabile.
    Non avendola provata personalmente, possibilità non da escludere per togliermi la curiosità di sentire come suona, consiglio a tutti i principianti di valutare questa proposta. Quanto al personaggio mediatico, non è uno dei miei artisti preferiti, ma in fatto di strumenti è sicuramente un punto di riferimento, come dimostrano le recensioni.
    È bello quando una persona così competente mette il suo lavoro al servizio dell’industria musicale dando la possibilità a coloro che si approcciano al mondo della musica per la prima volta di trovare sul mercato strumenti validi ad una fascia di prezzo ben accessibile.
    Grazie, anche se non potrò beneficiare pienamente di questa offerta.

Lascia il tuo commento

*

Captcha * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.