Capotasto mobile Effedot

L’argomento capotasto mobile è molto delicato. In rete si trovano, anche in questo caso, ‘fiumi di parole’ in merito e le opinioni si sprecano. La gamma delle offerte del mercato è vastissima e i prezzi vanno da un paio di euro a diverse – e non poche – decine. La varianti sono quasi infinite, come i tipi di bloccaggio al manico e i vari radius disponibili.

Però alla gamma di accessori marchiati Effedot mancava un elemento fondamentale per il chitarrista acustico moderno: il capotasto mobile. E finalmente la lacuna è stata colmata. Naturalmente i presupposti sono gli stessi di tutti i prodotti Effedot, ovvero un buon livello di qualità proposto a un prezzo ragionevole. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

Il capotasto mobile Effedot è del tipo a molla, con fissaggio al manico a pinza, tra i più diffusi sul mercato. È realizzato in alluminio nero, con profili abbastanza sottili. Malgrado le dimensioni contenute, la sensazione ‘tattile’ che se ne ricava è piuttosto massiccia e solida, senza trovare un peso eccessivo: un giusto compromesso per una massa in grado di mantenere un livello di sustain accettabile, in un oggetto che comunque non sbilancia gli equilibri dello strumento.

Alla prova pratica, che poi è sempre la cosa più importante, il capo si dimostra estremamente affidabile ed efficace. La molla è piuttosto energica e garantisce un fissaggio stabile e continuo. Per contro va posizionato con attenzione a filo del tasto, ‘accompagnando’ il movimento, altrimenti si rischia di modificare l’intonazione dello strumento.

In buona sostanza, per 9,90 euro ci si porta a casa un accessorio estremamente funzionale ed efficiente, costruito per durare. Se poi avete il vizio, come il sottoscritto, di fissarlo alla paletta della chitarra quando non serve, avere il marchio della chitarra utilizzata riportato anche sul capotasto è davvero un eccesso di stile.

mario.giovannini@chitarra-acustica.net

...sull'Autore

Related Posts

Lascia il tuo commento