130 anni di storia – Intervista ad Amalia Ramirez

Probabilmente, nel 1882, quando ha avviato il suo laboratorio di liuteria, José Ramirez sperava di avere un buon successo, ma difficilmente immaginava che il suo sarebbe diventato un marchio conosciuto e apprezzato in tutto il mondo. Men che meno poteva anche solo immaginare che a guidare l’impresa di famiglia, gelosamente tramandata di padre in figlio per quattro generazioni, sarebbe stata ora una donna. Ma grazie a Dio i tempi cambiano e personaggi come Amalia, oltre a rappresentare una boccata di ossigeno per quello che a volte rischia concretamente di diventare un ambiente un po’ troppo autoreferenziale, fanno ben sperare per il futuro. Una donna con i piedi ben piantati nella tradizione, ma che vive con consapevolezza il presente e, soprattutto, il futuro prossimo in continuo divenire. Abbiamo parlato di questo, e di molto altro, in occasione del 130° anniversario dell’azienda spagnola.

amalia1

Non deve essere facile raccogliere il testimone di un’azienda con centotrenta anni di storia. Vuoi raccontarci un po’ la ‘tua’ storia all’interno dell’impresa di famiglia?
Io sono cresciuta con il profumo del legno e della colla calda. Ascoltando grandi artisti suonare la chitarra quando venivano a trovarci a casa. Sentendo mio padre che parlava ogni giorno del suo tema favorito: la chitarra. Sempre la chitarra. Era inevitabile che fossi affascinata da questo strumento e da tutto ciò che gli gravita intorno. All’inizio, la sfida più grande è stata prendere in mano un’azienda che era stata fino ad allora gestita e portata avanti da soli uomini, e la cui denominazione commerciale è maschile. Ovviamente non era previsto che fossi io colei che avrebbe portato avanti una tradizione familiare fino a quel momento tramandata di padre in figlio. E mai alle figlie. Tuttavia, e probabilmente per l’attrazione che generano le cose proibite, sommate a questa eredità che dopo quattro generazioni possiamo tranquillamente dire genetica, mi sono decisa a produrre chitarre. Con il permesso e l’approvazione di mio padre sono entrata nel laboratorio di liuteria per imparare il mestiere. Dopo alcuni anni me ne sono andata, per tornare in seguito ad aiutare mio fratello nella gestione dell’azienda, quando mio padre si era ammalato da alcuni anni e ci ha passato il testimone. Anche se è rimasto sempre vicino all’azienda, fino ai suoi ultimi giorni, per sapere come progrediva e andavano le cose. Lui è stato il mio maestro, in tutti gli aspetti della vita, non solo quelli lavorativi. Dopo alcuni anni, a seguito della scomparsa di mio fratello, una persona meravigliosa che mi ha accompagnato nella vita e di cui sento la mancanza ogni giorno, ho deciso di portare avanti in prima persona l’attività del laboratorio, dell’azienda e del negozio. È stata una decisione spontanea, che ho preso con entusiasmo, potendo contare anche su un grande team di lavoro formato da eccellenti professionisti. Fattore che è stato fondamentale per poter arrivare alla posizione che abbiamo oggi. E la speranza è di poter continuare su questo cammino per tanti anni, in quanto i miei nipoti, Cristina ed Enrique, sono anche loro parte dell’azienda e si stanno facendo le ossa imparando a portare avanti il tutto con lo stesso entusiasmo e voglia dei loro illustri predecessori.

Non è possibile ripercorrere in poche righe una storia come quella della vostra famiglia, ma qualche tuo ricordo sui grandi personaggi che ne hanno segnato la crescita?
In effetti ho avuto l’onore di poter ascoltare nell’ambiente familiare chitarristi del calibro di Andrés Segovia, Víctor Monge Serranito, Narciso Yepes, Christopher Parkening, Paco de Lucía, Manolo Sanlúcar, Liona Boyd, Paco Cepero e molti altri che in questo momento non mi vengono in mente, tra i quali c’erano artisti meno conosciuti, ma dotati di una grandissima abilità. Ricevevamo spesso visite di personaggi come Lucho Gatica, che era un ottimo amico dei miei genitori, e di Ivor Mairants, che è stato il nostro rappresentante in Inghilterra per molti anni, fino a quando smise di lavorare, e che veniva spesso a trovarci e ci raccontava aneddoti affascinanti, come la visita di Paul McCartney nel suo negozio per comprare una chitarra Ramirez da concerto. Al negozio ci venivano a trovare personaggi differenti e diversi tra loro, da Jorge Cafrune fino a Neil Diamond, ed era molto divertente.

amalia2Probabilmente te lo avranno già chiesto troppe volte, ma ci son davvero pochissime donne che rivestono un ruolo come il tuo. Come vivi questa situazione?
Questa situazione la vivo molto bene. Mi piace molto. Fin dall’inizio, ho potuto far affidamento sull’appoggio di tutti i nostri distributori, molti dei quali erano per me quasi di famiglia, conoscendoli da quando avevo lavorato con mio fratello. Alcuni fin dalla mia infanzia, come Shiro Arai, nostro distributore in Giappone da cinquant’anni. All’inizio, dopo la morte di mio fratello, i commessi del negozio mi hanno raccontato di un paio di clienti che volevano comprare le chitarre, ma non accettavano il fatto che fossero firmate da una donna. Cosi sono rimasti senza strumento. Per fortuna episodi cosi non si sono più ripetuti. Addirittura ricevo molte lettere ed email di persone che mi spronano a continuare e mi ringraziano di portare avanti la tradizione familiare in azienda. Oggi l’azienda la gestisco con la preziosa collaborazione di altre due donne, Marisa e Arancha, oltre a mia nipote Cristina. Formiamo il team che partecipa alle fiere e, nello stand che porta il nome di José Ramirez, non c’è nessun uomo. Mi risulta che, nonostante la maggior parte delle persone che incontriamo alle fiere abbia un ottimo rapporto con noi, a volte alcuni, pochi a dire il vero, sono un po’ in difficoltà a dover trattare e negoziare con donne, pratica non comune per loro. Tuttavia, tutte le riunioni si svolgono nella maggior cordialità possibile.

La riapertura del workshop e il riavvicinamento alla dimensione più artigianale della produzione è stata una tua precisa scelta. Cosa ti ha spinto in quella direzione?
Il nostro laboratorio è sempre stato artigianale. Durante gli anni settanta mio padre, per poter far fronte all’enorme richiesta delle nostre chitarre, ha deciso di spostare il laboratorio in un complesso più grande, dove ha insegnato a molti ragazzi giovani, che si sono specializzati insieme a lui fin dall’inizio. Paulino Bernabè e Manuel Contreras sono tra i molti affermati liutai che sono usciti dal nostro laboratorio. Ogni liutaio produceva il suo strumento completamente, dalla A alla Z, e alla fine mio padre lo ricontrollava prima di consegnarlo al cliente finale. In quel tempo si è sparsa la voce che la produzione era passata da artigianale a industriale, ma era falso, in quanto l’unico cambiamento significativo era rappresentato dal fatto che lavorassero più liutai alla produzione, rispetto al passato. Ciononostante, mio fratello e io abbiamo deciso di riportare tutto a una dimensione più ridotta, quando sono rientrata in azienda nell’88. Io ho continuato poi su questa linea, sono convinta che sia molto più gestibile una dimensione artigianale ridotta. Mi trovo a mio agio con un laboratorio ridotto, in quanto tutti gli sforzi sono concentrati per rispettare l’alta qualità dei prodotti, e mi piace molto l’ambiente familiare che c’è in azienda.

Allo stesso tempo, sei molto attenta e presente in fase di ricerca e sviluppo, oltre ad aver disegnato personalmente parecchi dei modelli di maggior successo degli ultimi anni…
Sì. Mio padre diceva sempre che io avevo uno spirito inquieto e penso avesse ragione. Mi piace ricercare, crescere, cambiare, però sempre rispettando la tradizione e quello che so che funziona bene. Ho preso come modello la chitarra base sviluppata da mio padre e ho realizzato tutti i miei esperimenti prendendo spunto da quella. In questo momento sto lavorando con il nomex, materiale scoperto dal liutaio tedesco Gernot Wagner per costruire tavole armoniche doppie, che permettono di produrre un suono più potente, e lo sto applicando in diverse modalità, ottenendo risultati molto interessanti. Inoltre ho appena presentato un nuovo modello, che in realtà è antico, in quanto è basato sulle chitarre costruite dai miei predecessori, realizzate al principio del XX secolo. Si tratta della chitarra che ho denominato Antigua, in risposta alla domanda di molti chitarristi che preferiscono e ricercano un suono antico, completamente distinto dalla chitarra Tradicional.
Altre innovazioni che ho apportato si rivolgono maggiormente all’estetica, in quanto credo che sia importante fornire anche un qualcosa che produca piacere alla vista, e non solamente all’ascolto. Per questo considero che la chitarra sia un insieme di bellezza e sensualità, per la sua forma, il suo profumo, al tatto, perché ci connette direttamente con la nostra parte spirituale e alimenta l’anima. In questo modo mi rallegro disegnando forme, pensando a nuove rosette, intagli all’estremità della paletta, sul ponte, sullo zoccolo, o intarsi sulla paletta.

amalia3Puoi darci qualche anticipazione sulle celebrazioni in programma per il 130° anno di attività?
Non penso di organizzare nessun programma speciale per il 130° anniversario dell’azienda. Abbiamo già festeggiato per l’anniversario dei 125 anni e credo sia sufficiente. Per questo 130° anniversario, quello che ho prodotto è qualcosa di molto semplice, ovvero una nuova chitarra da studio, il modello 130 Años, per una serie limitata che si produrrà solo per cinque anni. Per questo modello ho scelto il fiore del ciliegio per il mosaico della rosetta e sul ponte, dedicandolo alla rinascita del Giappone dopo il terribile tsunami che li ha colpiti insieme al disastro nucleare del marzo del 2011. Considerata la splendida relazione che il Giappone ha avuto e mantenuto nel tempo con la mia azienda durante gli ultimi cinquant’anni, mi sono sentita profondamente scossa da quanto avvenuto e per questo motivo ho deciso di dedicare loro questo riconoscimento. Il modello 130 Años sostituisce il modello precedente 125 Años, anch’esso un modello in edizione limitata di cinque anni, che ha avuto un grande successo per aver combinato al meglio la sua estetica con l’ottimo suono prodotto.

Come vedi la situazione del mercato in questo periodo di crisi sempre più stringente?
Penso che stiamo attraversando un deserto, però come tutti i tragitti, è temporaneo. Esiste una maledizione cinese che dice: «Ti auguro di nascere in tempi interessanti». In effetti, ci troviamo in un’epoca interessante, senza dubbio. Penso che si sta rompendo un sistema che non serviva piú e che ne stia nascendo uno nuovo, una nuova economia e una nuova maniera di considerare la vita. Quindi, quello che dobbiamo fare è adattarci, improvvisare, pianificare per quanto possibile, con l’idea in testa che se dobbiamo cambiare, cambieremo. Penso che questo sia un elemento chiave, che spiega come la nostra azienda sia riuscita a sopravvivere a molte situazioni difficili nel corso dei centotrenta anni della sua storia. E siamo ancora qui. Se riuscirò a ripetere questa esperienza, allora penso che riusciremo ad avere chitarre Ramirez ancora per tanto tempo. Speriamo di poter avere l’ispirazione necessaria per poterlo ottenere. Sono ottimista.

Cominciate a risentire della difficoltà di reperimento di materiali di qualità e delle restrizioni imposte in molti paesi?
In questo momento abbiamo molta materia prima nei nostri magazzini. Mio padre stesso aveva comprato molto legno, quindi ritengo che, con la nostra produzione limitata, avremo materia prima sufficiente per molti anni. Nel frattempo qualche novità arriverà. Credo che queste situazioni rappresentino una sfida, che ci spinge a sviluppare ancor piú l’immaginazione, a crescere e maturare. Sicuramente qualcuno troverà una soluzione, o qualche novità ci permetterà di proseguire.

Un’azienda storicamente legata alla tradizione, come vive ai tempi di Internet e dei social network? Che rapporto avete con le nuove tecnologie?
Un ottimo rapporto. Soprattutto perché mia nipote Cristina è molto preparata per tutto questo.  Lei è la responsabile del nostro facebook e del blog, aggiorna il sito web, e ho piena fiducia nel suo lavoro. Inoltre, qualche anno fa abbiamo introdotto la prima chitarra acustica MIDI. Adesso siamo in un periodo di transizione, in attesa di sviluppare un nuovo sistema MIDI che consenta la qualità di cui abbiamo bisogno.

Quali saranno i vostri prossimi progetti? Verso cosa sta andando Ramirez all’alba del terzo millennio?
Sto lavorando su una nuova chitarra Auditorio che credo funzionerà molto bene. Ovviamente, stando sempre immersa nella ricerca, sembra che la mia mente sia programmata per funzionare nel subconscio, senza che me ne renda conto. Così, all’improvviso, e nei momento più insospettabili, produco idee: alcune ‘pazze’, altre interessanti, e cerco di metterle in pratica prima possibile. È molto difficile il terreno della ricerca, perché ogni esperimento ha bisogno di quattro mesi per verificarne il risultato. Però è molto stimolante.
Stiamo anche cercando di aiutare i chitarristi e tutto ciò che gravita intorno alla diffusione della chitarra. Da quattro anni realizziamo un incontro mensile in negozio, riprendendo la vecchia tradizione delle riunioni che si tenevano nei laboratori di chitarra alla fine del XIX e all’inizio del XX secolo. Ai nostri incontri partecipano chitarristi, alcuni già affermati, altri studenti o concertisti che stanno iniziando ad aprirsi la strada, sempre artisti di qualità riconosciuta. Vengono e suonano per un uditorio scelto e ridotto, poiché il negozio è piccolo e chi desidera assistere deve prenotare il posto a sedere. Vengono anche a presentare un disco, un libro, a parlare della storia della chitarra o per un recital di poesia con accompagnamento di chitarra.
Riteniamo che la cultura debba ripensare il termine ‘gratis’. È un dovere di tutti proteggere e portare avanti questo bene dell’umanità, questo lavoro svolto nella fattispecie da un chitarrista, per condividerlo con noi offrendoci il suo tempo e la sua dedizione. Dobbiamo fare in modo che il pubblico apprezzi la musica, affinché continui a esistere, a evolversi e a darci qualità. La cultura è importante perché ci rende umani, ci avvicina a noi stessi, con sentimenti e emozioni, ci fa immaginare, sognare, e ci distoglie dalla routine… Quante volte una canzone si è trasformata nella colonna sonora di un momento particolare della nostra vita?

PUBBLICATO
Chitarra Acustica, 5/2012, pp. 40-43

...sull'Autore

Related Posts

Lascia il tuo commento

*

Captcha * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.